Enrico Steidler
No Comments

Stato e tabaccherie, premiata ditta spennavecchi

Stato e tabaccherie, premiata ditta spennavecchi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Avete presente “L’assenzio” di Degas? Dipinto fra il 1875 e il 1876, ritrae un uomo e una donna seduti al tavolo di un bar. I veri protagonisti del quadro, però, non sono loro, ma altri due: l’assenzio – il fortissimo liquore che li ha ridotti in schiavitù e che si nota più negli sguardi vuoti che nel bicchiere pieno – e l’alienazione umana. Se oggi Degas fosse ancora fra noi, ritrarrebbe due vecchi in una tabaccheria: lei immortalata mentre raschia con una moneta un pezzo di carta colorato, lui davanti a una macchinetta mangiasoldi. E il quadro si intitolerebbe “Il gratta e vinci”.

Ad ogni epoca il suo mostro, quindi, con la differenza che oggi esso si nutre prevalentemente di anziani. Per vederlo all’opera, e ritrovare infiniti soggetti utili a tramandare ai posteri l’anima sofferente e sciacalla della nostra società, basta entrare in una di quelle tabaccherie che sembrano la filiale di un casinò (ce ne sono tantissime, purtroppo). La disperazione umana, qui, in un bailamme di allegre musichette e sorridenti richiami alla dea bendata, si taglia letteralmente col coltello, ed è fatta di pensionati che bevono il loro ‘assenzio’ inseguendo un luccicante sogno di felicità. Quella altrui, quasi sempre: del figlio disoccupato, o del nipote bisognoso di cure.

Difficile, quindi, immaginare un mostro più orrendo, subdolo e vigliacco di questo vampiro che succhia il sangue ai più indifesi, e tuttavia ce lo dobbiamo tenere. Già, perché farà pure schifo, ma il parassita in questione lavora per lo Stato, come tutti sanno, e fattura da dio. E’ una sorta di ‘recupero pensioni’ sotto mentite spoglie, efficiente e capillare: questo conta. Tutto il resto – l’infelicità che produce, l’assenzio, la ludopatia, l’alienazione, ecc. – sta a zero o quasi, è solo un trascurabile effetto collaterale che gli anziani possono curare grazie ai numerosi psico-farmaci presenti sul mercato. Lo Stato, ovviamente, fa il suo bel guadagno anche su questi.

Morale? Gallina vecchia fa buon brodo, eccome se lo fa. Speriamo solo che a certa gente gli vada tutto di traverso.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *