Enrico Steidler
No Comments

Terrorismo: se perde l’Europa chi ci salverà dagli europei?

Terrorismo: se perde l’Europa chi ci salverà dagli europei?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Com’era facilissimo prevedere, l’ennesimo, vigliacco attentato terroristico firmato Daesh ha di nuovo messo a nudo tutta la sostanziale fragilità del Vecchio Continente. Quella delle istituzioni e degli strumenti di prevenzione e contrasto, innanzitutto, come sottolineano opportunamente numerosi commentatori, ma anche quella etica.

Non mi riferisco, in questa sede, all’infimo profilo morale-medio di chi oggi governa la baracca europea (nani miserabili in confronto ai giganti che videro nell’unione l’unico antidoto al Male), e neppure all’ira funesta dei guerrafondai di professione, ma a quel diffuso risentimento anti-europeista – puntualmente ingrossato dalle bombe – che si alimenta di mille ragioni per condurci al peggior torto che si possa immaginare.

Qual è, infatti, secondo il variegato popolo degli euro-scettici, il senso più autentico della strage di Bruxelles? Che l’integrazione è un miraggio, ecco qual è, e il discorso non vale solo per l’immigrato islamico – di prima o terza generazione che sia – e la nostra società, ma anche per il greco e lo svedese; uomini, cioè, che si possono far convivere sotto lo stesso tetto solo appiattendone le differenze e diluendole in una nuova e più ampia identità culturale. Posticcia, naturalmente.

Se è per questo, provate a pensare al fiammingo e al vallone, che si somigliano come cane e gatto, oppure al triestino e al calabrese, ‘Asburgo’ l’uno, ‘Borbone’ l’altro, e capirete quanto sia ugualmente fasulla l’identità nazionale del Belgio e dell’Italia. Detto questo, che facciamo? Riduciamo l’Europa a un pulviscolo di stati e staterelli nel nome della sacrosanta sovranità nazionale? E delle mille, anzi centomila ragioni di chi censura i crimini e misfatti di Eurolandia? Siamo sicuri che sia giusto? E che sia ‘sicuro‘?

Oggi versiamo lacrime per le vittime di Bruxelles, ma settant’anni fa, quando le menti migliori della politica continentale (faccio sette nomi in ordine alfabetico: Adenauer, Bech, De Gasperi, Monnet, Schuman, Spaak e Spinelli) cominciavano a pensare a una ‘casa comune’ per sassoni e siciliani, tutta l’Europa era ridotta a un cumulo di macerie fumanti, e i colpevoli di una simile tragedia eravamo noi europei. Noi avevamo partorito le peggiori e più nefaste ideologie della storia; noi avevamo scatenato due guerre mondiali e provocato milioni di morti. Come si poteva superare una volta per tutte la secolare, sanguinaria litigiosità delle diverse etnie continentali se non comprimendole in un’unione politica e amministrativa? Un disegno lungimirante, senza dubbio, quello dei Padri fondatori, forse un’utopia, ma di sicuro un nobile ideale dopo decenni di ignobili deliri e patriottici egoismi.

Certo, col passare del tempo l’ideale si è corrotto, ed è sotto gli occhi di tutti, però è la cosa migliore che siamo riusciti a produrre da più di un secolo a questa parte. E gli europei che temono la ‘Superpolizia’ e la progressiva cessione di sovranità nazionale dovrebbero pensare all’uso che ne faceva il loro Paese quando non doveva rispondere di niente a nessuno.

Guai a noi, in fondo, se per buttare l’acqua sporca gettiamo via anche il bambino. Non avremmo futuro, a prescindere dai terroristi.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *