Enrico Steidler
No Comments

Dal complotto sionista a quello gay: chi dà corpo ai fantasmi di solito è un mostro

Dal complotto sionista a quello gay: chi dà corpo ai fantasmi di solito è un mostro
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Che cos’è la secolare ‘Teoria del complotto giudaico’? Niente, è una bufala tragicomica che individua negli ebrei la causa di ogni male del mondo, una paranoia collettiva alimentata dall’ignoranza e dalla paura. Cosa la distingue dalla fantomatica ‘Teoria Gender‘ e dal ‘Complotto gay’ di cui si straparla da mesi? Niente, cambia solo l’oggetto dell’odio.

Ok, d’accordo, chi agita il fantasma della congiura ‘omosessualista’ non accusa il perverso Lgbt di tramare ai danni dell’intero genere umano, ma ‘solo’ della famiglia, dei suoi valori e della nostra stessa identità. Cosa volete che sia, bazzeccole: secondo il popolo del Buono e del Giusto, c’è una lobby potentissima e senza scrupoli che mira a sovvertire l’ordine naturale delle cose per realizzare i suoi biechi progetti, una specie di Grande Gay mediatico che non disdegna di servirsi di un (Kung Fu) panda pur di plagiare la mente dei più giovani. Un’opinione come un’altra, insomma, e i giornali che insabbiano – non è vero, ma lasciamo perdere – il grido di allarme lanciato dai vari Adinolfi e padre Livio sono la prova provata dell’oscura macchinazione ‘famiglicida’.

Ora, se c’è un ‘complotto’ che è operativo fin dalla notte dei tempi e che nasce senza alcun bisogno di essere architettato è quello della pigrizia intellettuale (e della sonnolenza morale che ne deriva). Se questo nemico oscuro non esistesse, i mass-media scatterebbero come tagliole implacabili sulla coda di chi ci mette in guardia dagli orsetti cospiratori, il che non è. Anzi: a leggere i giornali, sembra quasi che fantisticare di lobby gay volte al Male sia una stravaganza forse un po’ ridicola e magari pure censurabile, e tuttavia innocua. Sono dei pazzoidi, scrivono fra le righe molti articolisti riportando le prodezze dei catto-pasdaran, ma non più dannosi di tanti altri.

E invece no. La cosiddetta società civile, a partire dalla sua stampa, dovrebbe attivare gli anticorpi con molta più reattività quando è aggredita dalla proliferazione di una simile, virulenta dietrologia. Se non lo fa, e confonde il seme dell’odio con il frutto di una cattiva digestione, prepara il terreno alla ricrescita delle peggiori male piante che si siano mai viste su questo pianeta.

Occhio: questi non danno i numeri, questi odiano. Regoliamoci di conseguenza, e trattiamoli come meritano.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *