Enrico Steidler
No Comments

Corsa alla Casa Bianca, nel 2020 si sfideranno Alice Cooper e Michelle Obama

Corsa alla Casa Bianca, nel 2020 si sfideranno Alice Cooper e Michelle Obama
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella più grande e potente democrazia del mondo c’è qualcosa che non va. Dopo il cowboy di celluloide (Ronald Reagan, 2 mandati, cioè otto anni), gli americani hanno portato alla Casa Bianca il repubblicano George H. W. Bush, il democratico Bill Clinton (2 mandati), il repubblicano George W. Bush figlio di H. W. (2 mandati) e il democratico Barack Obama, che all’inizio del suo doppio mandato scelse Hillary Clinton – moglie di Bill – come Segretario di Stato. Alternanza rep-dem garantita, quindi, e tuttavia il breve elenco desta qualche perplessità, soprattutto se si considera che Hillary ha davvero ottime chance di diventare il 45 esimo (e prima donna) presidente degli Stati Uniti.

Michelle Obama

Michelle Obama

Se così fosse, vorrebbe dire che i destini della nazione a stelle e strisce – e del pianeta che le gravita intorno – sono stati affidati a due sole famiglie per ben 23 anni su 31 (1989-2020), e di fronte a certi numeri la tentazione di parlare di ‘democrazia ereditaria‘ sarebbe quasi irresistibile. Ok, vedremo, se ne riparla a novembre. Nel frattempo, mi limito ad annotare che l’unica alternativa ‘credibile’ alla dinastia dei Clinton – e quindi l’unico argine a tutto questo ‘nepotume’ – si chiama Donald Trump. Impossibile, detto questo, non fare accenno a un’altra sciagura, il progressivo svacco dei repubblicani. Se guardiamo agli ultimi tre presidenti (Reagan, Bush e Bushino) e all’attuale candidato, vediamo una parabola discendente che si è fatta sprofondante, il che non è un buon segno per la salute della democrazia. Americana e non solo.

Insomma, chi vincerà a novembre non lo so, ma comunque vada a finire so già chi saranno gli sfidanti del 2020 se tengo conto delle tendenze fin qui descritte (e ammettendo che il futuro boss non si ricandidi): la rockstar necrofila settantenne Alice Cooper per i repubblicani e la quasi ex first-lady Michelle Obama per i democratici. Non solo: se stavolta dovesse vincere un altro democratico (Hillary) dopo il democratico Obama, allora nel 2020 varrà la regola dell’alternanza, poco ma sicuro. Wow! Questo vuol dire che nel 2025 Hollywood ci farà un film. Catastrofico, ovviamente. E che poi ci farà piovere sopra un sacco di Oscar. Ma nemmeno uno per i ‘boveri negri’. Che grande Paese l’America. Noi a tutto ciò ci arriveremo nel 2068.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *