Enrico Steidler
No Comments

Meloni e la sua gravidanza spernacchiata: per il Minculpop dei media la satira equivale a ‘insulto’

Che la Casta difenda corporativamente la Meloni ci sta, che lo faccia pure quasi tutta la stampa no. Ecco a voi il trionfo del 'servilmente corretto'

Meloni e la sua gravidanza spernacchiata: per il Minculpop dei media la satira equivale a ‘insulto’
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La rete partorisce odio scrive Robert Vignola sul Giornale d’Italia, La vergogna degli insulti alla Meloni titola Il Tempo, Gli insulti del web a “mamma” Meloni fa eco Concita De Gregorio dalle pagine di Repubblica, La Meloni incinta, insulti al bebè: l’ultima porcheria della Littizzetto incalza da par suo Libero. L’elenco dei sassi mediatici usati per lapidare la libertà di satira potrebbe continuare a lungo, mentre quello dei cosiddetti insulti dedicati alla toccante annunciazione di Giorgia Meloni nel giorno (il Family Day) da lei ritenuto più opportuno si riduce sostanzialmente a due. Anzi tre. Vediamo quali.

1) – “La Meloni è in attesa, auguri e figli trans!“. Vladimir Luxuria su Twitter;
2) – “La Meloni ha annunciato di aspettare un meloncino. Fa molto ridere che l’abbia detto al Family Day e cioè nella piazza della famiglia tradizionale perché lei non è sposata. Ne sono contenta, ma è come andare a un festival vegano e dire di avere appena mangiato una fiorentina al sangue“. Luciana Littizzetto a Che Tempo che fa.

Luciana Littizzetto

Luciana Littizzetto

Nota bene: sul web si possono leggere anche decine di autentici insulti, ma la stampa li evoca senza riportarli e senza distinguerli dai commenti di cui sopra (eccezion fatta per la De Gregorio, la cui difesa della Littizzetto è l’unico momento chiaro di un pezzo colpevolmente vago) col malcelato intento di fare di ogni erba un fascio. La stessa cosa, guarda caso, che fa pure la Casta bipartisan, da Boldrini-Guerini a Crosetto-La Russa. Succede così che agli occhi del lettore distratto anche le battute più feroci ma tutt’altro che volgari – come ad esempio “Difendi la famiglia ma sei incinta senza essere sposata, opera dello Spirito Santo?” – possano sembrare un’ignobile aggressione a una #donnaindifesa, alla sua #dolcematernità, ai più #sacrivaloridellavita e così via. E che possa sembrare legittima, soprattuto, l’indecorosa pretesa di alcuni militanti di Fratelli d’Italia: oscurare la pagina Facebook “Sesso droga e pastorizia” per aver scritto quanto segue:

3) – (Fotografia della Meloni) “Va in giro a rompere le palle agli altri sul valore della famiglia, si fa sb…. dentro dal primo che passa”. Battuta volgare? Sì, volgarissima, ma qui l’unica cosa da bollino rosso – diciamolo chiaramente – è il furore illiberale che serpeggia un po’ ovunque, un vero e proprio analfabetismo democratico di ritorno che qualcuno ha pure la pretesa di imporre a un’azienda made in USA. Non sono stati violati gli standard“, ha risposto il colosso di Zuckerberg ai quattro gatti neri d’Italia, e la salutare secchiata d’acqua gelida sul muso ha subito zittito il loro indignato miagolio. Ma non quello dei media, purtroppo.

Per questi ultimi, infatti, sembra che sia la satira stessa a violare gli standard, eccezion fatta per quella imbalsamata dei vignettisti di regime o quella grondante di saliva alla Roberto Benigni. Certo, le eccezioni non mancano, ma la regola parla chiaro: che si tratti di Charlie Hebdo, di Vladimir Luxuria o del cosiddetto popolo del web, quando lo sberleffo centra il bersaglio la rappresaglia del servilmente corretto scatta sempre immediata (e non fa prigionieri). Ora, cosa possiamo fare per opporci a un simile scempio? Semplice, continuare a usare l’arma che tanto terrorizza il Re e suoi vassalli, almeno finché possiamo. Godetevi quindi gli autori di Spinoza e… finché c’è satira c’è speranza.

– Giorgia Meloni al Family Day: «Sono incinta». In mezzo a 2 milioni è bastato un attimo. (Amotalbrezza)
– Giorgia Meloni al Family Day: «Sono incinta». È sposata o è partenogenesi? (Redmachine)
– Giorgia Meloni annuncia di essere incinta al Family Day. Era il modo più veloce per comunicarlo al padre. Ovunque esso sia. (Ostaggio del Mondo)
– Sto organizzando un gruppo di preghiera per il figlio della Meloni. Ci chiameremo: “Fa che nasca nero”. (Acid Rain)
– Renzi ha mandato alla Meloni un mazzo di fiori. E un bonus di 80 euro di pappe. (pirata21)
– La Meloni é incinta. Più che un parto sarà uno sgombero. (pirata21)
– La Meloni irritata per le reazioni al suo annuncio al family day. Consiglio vagisil. (ABkualcosa)
– Meloni annuncia di essere incinta mentre partecipa al Family Day, nel frattempo il padre del futuro nascituro partecipa al Family Day con la moglie. (Riven)
– Giorgia Meloni al Family Day: «Sono incinta». Accanto a lei i due padri del bimbo. (InFondoADestra)

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *