Enrico Steidler
No Comments

Giorno della famiglia (tradizionale), notte della civiltà (liberale)

Giorno della famiglia (tradizionale), notte della civiltà (liberale)
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Oggi Roma è invasa da migliaia di uomini e di donne che partecipano al cosiddetto Family Day, e la possibilità di manifestare senza impedimenti il proprio dissenso – generalmente disinformato, ma non è questo il punto – nei confronti del ddl Cirinnà è garantita loro dal più grande nemico di chi adesso li riunisce sotto una stessa bandiera: la civiltà liberale. La stessa, tanto per capirci, che è fiorita sui terreni faticosamente sottratti al potere religioso (quello che ancora ai nostri giorni opprime gran parte del mondo) e che oggi, nel XXI secolo, ritiene intollerabile discriminare gli esseri umani sulla base dei loro orientamenti sessuali.

Family Day

Family Day

ATENIESI E SPARTANI – Al di là dell’evidente, ma anche illuminante, paradosso, duole rilevare che la Roma del Circo Massimo appartiene alla civiltà liberale solo perché ne ha ereditato le conquiste. Senza meritarle, naturalmente. Quanto è distante, infatti, questa città di Eterna arretratezza, dai luoghi dove il progresso non è solo una questione di smartphone ma anche di pensiero? E di cultura? Quanti anni luce la dividono da Londra, Bruxelles, Amsterdam e New York? Da quei luoghi, cioè, che per il loro contributo offerto all’umanitàumanità in tutti i sensi – sono oggi paragonabili all’Atene di migliaia di anni or sono? E quale spaventoso abisso – popolato dagli stessi fantasmi che atterrivano il volgo illetterato dei secoli scorsi – divide il Circo Massimo da chi considera sacrosanti e inalienabili certi diritti?

Mettiamola così, quindi, semplificando al massimo una questione vastissima: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Vai con i Pastori cui non importa nulla dell’individuo ma solo del gregge? E che hanno sempre abusato di quel gregge per trarne ricchezza e potere? Ti mescoli con chi vuole imporre a tutti la sua visione della vita e ti accodi sorridente dietro a Toti, Maroni, Zaia e ai “loro” profanati gonfaloni? Allora sei ‘spartano’, e in quanto tale ti sia chiara una cosa: è Atene ad aver fatto la Storia. Tu, per quanto ti agiti, la puoi solo subire.

Non farti illusioni: è solo questione di tempo, non di numeri da Circo.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *