Luigi Fontana
No Comments

La FIFA blocca il mercato al Real. Ecco perché la sentenza aiuta la Juve

Il mercato bloccato dalla Fifa al Real Madrid potrebbe aiutare la Juve a trattenere i suoi fenomeni: ecco perché

La FIFA blocca il mercato al Real. Ecco perché la sentenza aiuta la Juve
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

È notizia di qualche ora fa che la FIFA ha bloccato il mercato, per le prossime due sessioni, al Real Madrid e all’Atletico, per incongruenze nel tesseramenti di calciatori under 18. La condanna, che bissa quella del Barça del 2014, inguaia soprattutto le merengues, che avevano già degli obiettivi di mercato e a giugno erano pronti a sferrare gli attacchi per alcuni tra i fuoriclasse del pianeta.
In un certo senso, però, l’organo mondiale ha aiutato anche la Juve: i bianconeri, infatti, avranno la possibilità di trattenere alcuni tra i loro gioielli.

MORATA 2017 – A meno di clamorosi colpi di scena nelle ultime due settimane di gennaio, Alvaro Morata rimarrà a Torino quantomeno fino all’estate 2017. Nella prossima sessione di mercato, infatti, i Blancos di Florentino Perez non potranno esercitare il diritto di recompra fissato a 30 milioni. Il canterano, dunque, rimarrà alla Vecchia Signora anche nella stagione 2016-2017, alla fine della quale le Merengues potranno esercitare il famoso riacquisto. Fino a tanto, però, ci sarà tempo, e Marotta e Paratici troveranno un modo di risolverla.

SITUAZIONE POGBA – Qualche giorno fa, i quotidiani spagnoli castigliani aprirono con la notizia che il primo nome, in cima alla lista di Zinedine Zidane, per rinforzare il suo nuovo Real, era Paul Pogba. Con questa decisione, il francese non vestirà sicuramente (al netto dei ricorsi, naturalmente), la maglia delle Merengues. La situazione Pogba, però, è risolta a metà: sul talento francese ci sono praticamente tutte le big d’Europa, ma a poterselo permettere sono in poche. Il campo si restringe, molto probabilmente, alle sole potenze Barcellona e PSG; i catalani ci hanno già provato in estate, ma il rifiuto di Marotta e Paratici alla loro proposta di 80 milioni di euro ha fatto sì che desistessero, mentre la squadra parigina potrebbe non attecchire molto il giovane francese.

Il calciomercato juventino, dunque, subisce una modifica molto importante: non ci saranno più gli assalti da respingere per due tra i fuoriclasse della squadra, ma gli attacchi dovranno semplicemente essere sferrati per regalare a Max Allegri i tasselli che mancano.

(@luigifontana24)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *