Filippo Giannitrapani
No Comments

Il calciomercato del 6 Gennaio 2016

Ecco le trattative più calde del calciomercato nel giorno della Befana, colpi chiusi ed altri invece che hanno riscontrato brusche frenate

Il calciomercato del 6 Gennaio 2016
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nel calciomercato si sa, che non esiste alcuna certezza se non a contratto firmati. Andiamo a vedere quali sono le trattative più calde del momento.

MILAN BISEVAC Bisevac è ufficialmente un giocatore della Lazio, il difensore ex Lione è pronto a dare il suo contributo alla squadra biancoceleste. E sul suo profilo twitter ringrazia i tifosi per l’accoglienza, definendoli importantissimi.

MAROUANE FELLAINI Il Milan vuole Fellaini! Il centrocampista belga in forza al Manchester United. Il giocatore sembra aver dato il suo consenso al trasferimento in rossonero, ora tocca alle due società trovare l’accordo. Il cartellino del giocatore è all’incirca di 20 milioni, una cifra non di certo bassa.

DAVIDE SANTON L’esterno nerazzurro arrivato, anzi ritornato, all’Inter lo scorso gennaio, potrebbe ripartire da Milano destinazione Bologna. Il terzino andrebbe ai rossoblu con la formula del prestito con diritto di riscatto intorno a 5 milioni.

GARETH BALE Dall’estero una bomba di mercato! Secondo i giornali inglesi, l’asso del Real Madrid potrebbe tornare in Inghilterra esattamente al Manchester United che ha pronta un’offerta da 100 milioni di euro per riportare in Premier League il gallese.

NIKOLA MAKSIMOVIC Il Napoli non molla il difensore del Torino. Maksimovic , nonostante l’infortunio che l’ha costretto a saltare tutta la prima parte di stagione, è l’obiettivo numero 1 di Sarri. La società partenopea ha presentato un’offerta di 18 milioni ai granata. E adesso Cairo vacilla.

JONATHAN CALLERI Brusca frenata per Calleri tra Inter e Boca Juniors, per via di un bando Fifa alle terze parti. E l’Inter per evitare “brutte figure” sembra si sia tirata indietro, almeno per ora. Nei prossimi giorni si saprà di più su questa vicenda.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *