Enrico Steidler
No Comments

Il vero miracolo di Santa Madre Teresa di Calcutta: ottenere il massimo col minimo

Giubileo Grandi Eventi: Papa Bergoglio ha riconosciuto il miracolo - la guarigione di un malato terminale - e Madre Teresa sarà canonizzata il prossimo 4 settembre. Un affronto per i veri santi?

Il vero miracolo di Santa Madre Teresa di Calcutta: ottenere il massimo col minimo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chissà cosa ne pensa Francesco. Il santo. Quello vero. Rispetto ai suoi tempi, ottocento anni fa, il mondo è cambiato completamente, tutto sommato in meglio; una cosa, però, è rimasta grosso modo la stessa: la Chiesa. Torbida era, torbida è. Nessuna sorpresa, quindi, che un simile ambiente riesca a ritrovare il carattere della perfezione spirituale anche laddove scarseggia, per usare un eufemismo, e che possa elevare a modello di santità personaggi tutt’altro che cristallini come Giovanni Paolo II e Madre Teresa di Calcutta. Rendere un grande servizio all’umanità, evidentemente, non è l’unico requisito per guadagnarsi l’aureola: lo è anche, e a volte basta e avanza, renderlo alla Chiesa. Questa Chiesa.

Ma come, diranno in molti: come può essere accusata di aver badato innanzitutto alla sua bottega la donna che ha fatto incetta di medaglie e riconoscimenti ai quattro angoli del pianeta? Che ha vinto il Premio Nobel per la pace nel 1979 (il 19 ottobre, giorno della cerimonia, è festa nazionale in Albania), il Bharat Ratna (la più alta onorificenza civile dell’India) l’anno successivo e la Medaglia d’Oro del Congresso degli Stati Uniti nel ’96? E che alla sua morte, nel settembre 1997, fece inginocchiare mezzo mondo davanti al suo feretro? Induisti, musulmani, cristiani: tutti uniti nell’estremo, commosso saluto a questa piccola donna di origine albanese?

Madre Teresa e Giovanni Paolo II

Madre Teresa e Giovanni Paolo II

Beh, si può, diciamolo, anzi si deve, ed è possibile farlo agevolmente anche al netto dell’impressionante mole di ‘dati sensibili’ e peccatucci vari che si ritrovano on line grazie a un semplice clic (battete ‘Madre Teresa verità’, ad esempio, e il motore di ricerca vi suggerirà di cercare anche alle voci ‘truffatrice’ e ‘lato oscuro’). Il suo ospedale – insinua il web – era in realtà un lazzaretto anti-igienico dove avrebbe trovato la morte anche un uomo in perfetta salute? I soldi, fiumi di soldi, raccolti in giro per il mondo finivano in buona parte nelle tasche del suo ordine (e di quello, molto più ampio, che ora la canonizza)? L’etica – si fa per dire – della sofferenza valeva solo per i poverelli e non per lei? Sì, avere qualche dubbio è ragionevole, ma lasciamo perdere. Anche se non fosse vero nulla, infatti, e la “piccola matita nelle mani di Dio” fosse solo vittima di una bieca macchinazione anticlericale, è evidente che la distanza fra lei e un benché minimo ideale di santità è la stessa che separa la Terra e il Cielo.

“È bellissimo – disse Madre Teresa – vedere i poveri che accettano la loro sorte, che la subiscono come la passione di Gesù Cristo. La loro sofferenza è di grande aiuto per il mondo”. Ecco, questa era la donna che fra poco troverà posto vicino a Francesco: una pasionaria della povertà, un’esteta delle privazioni, degli stenti e delle lacrime, una specie di Savonarola in gonnella fuori tempo massimo che elevava il cilicio a Summa di ogni virtù. Anche Francesco, in altri tempi e altri modi, predicava la povertà, ma la intendeva come gioiosa rinuncia spontanea alle piacevolezze della vita, non come accettazione sado-maso di una disgrazia più grande di noi, una disgrazia ‘redentrice‘ perché ritenuta conforme alla volontà divina. E se il messaggio dell’uomo di Assisi è quanto mai attuale e rigenerante, quello di Madre Teresa mortifica e deprime, è il pensiero disumanizzante che proviene dagli anfratti più oscuri del medioevo e che ancora contraddistingue, e paralizza, la Chiesa versione 2.0. Come si somigliano, in fondo, la santificante e la santificata.

Due parole, per concludere, proprio sulla santificante. A giudicare dagli ultimi ingressi nell’Olimpo degli aureolati (Wojtyla e Junipero Serra, ad esempio) sembrerebbe che la Casa di Dio sia rimasta un po’ a corto di argomenti, per così dire, e che si sia ormai ridotta a raschiare il fondo del barile. E invece no, le cose non stanno così. La Chiesa, malgrado le apparenze, è piena di uomini e di donne che ogni giorno sacrificano la propria vita al servizio degli altri, con umiltà esemplare e commovente dedizione, eroi ed eroine civili che ogni giorno fanno il vero, grande miracolo di non fare miracoli ma ‘solo’ tanto bene. Costoro, però, hanno un piccolo difetto: non sono nessuno, e non producono fatturato. Che peccato ignorarli. Che peccato in tutti i sensi.

Madre Teresa santa? Sì, certo. Come la Chiesa.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *