Francesco Ricciardi

I segreti del Leicester dei sogni

I segreti del Leicester dei sogni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tutti i segreti del Leicester di Ranieri: primo in Premier con un sogno nel cassetto...

In molti non ci avrebbero messo un euro, eppure il Leicester di Claudio Ranieri sta sorprendendo tutti e annichilendo qualsiasi avversario gli si ponga sul proprio cammino, verso un grande sogno.

Dopo quindici giornate di Premier, i Foxes sono primi a 32 punti, frutto di 9 vittorie, 5 pareggi ed una sola sconfitta, risalente al 26 Settembre, in casa, contro l’Arsenal di Wenger. Un cammino sontuoso, viste le aspettative, e uno stratega seduto sulla panchina blu, un Signore con una buona dose di umiltà e capacità tattiche non indifferenti. Claudio Ranieri. Presto con il titolo di Sir.

Il Leicester regala ai propri tifosi, al City Stadium, tanto spettacolo, gol e capolavori, frutto di un gioco corale, da grande squadra, con delle individualità invidiabili. Ma anche lontano dalle proprie mura, gli uomini dell’ex tecnico del Monaco stanno ottenendo risultati straordinari: non è un caso che siano imbattuti in trasferta, dove riescono a colpire gli avversari negli spazi, con alcuni uomini chiave rinati sotto la guida di Ranieri.

In porta gioca un certo Schmeichel, figlio d’arte, portiere del presente, ma anche del futuro, nonostante la carta d’identità dica 29 anni, le big lo aspettano. Kasper si è messo in luce anche durante le qualificazioni all’Europeo in Francia con la sua Danimarca. Si è arreso, solo, ad un certo Zlatan Ibrahimovic.  A destra, nella difesa a 4, gioca Ritchie De Laet, o Danny Simpson. I due si alternano molto, garantendo a Mister Ranieri una buona dose di spinta, e un’accurata fase difensiva. Wes Morgan e Robert Huth sono la diga centrale, mentre a sinistra  gioca l’austriaco Fuchs, calciatore di sicuro affidamento. Il centrocampo a 4 dei Foxes prevede come centrali Kante e Drinkwater, due giocatori molto bravi in interdizione, di cui uno, il francese, col vizio del gol. Ma la forza del Leicester sono gli esterni. A sinistra troviamo Marc Albrighton, dotato di grandissima quantità, oltre che di ottime qualità palla al piede. I suoi inserimenti e il tiro, le caratteristiche principali dell’ex Aston Villa.

Ma, a destra, c’è lui, una delle due grandi rivelazioni di questa squadra: Ladies and Gentleman, Riyhad Mahrez. Giocatore fantastico: esuberante nel dribbling, palla al piede, velocissimo e dotato di grandissima tecnica, a cui si aggiunge un ottimo fiuto del gol. Cresciuto moltissimo in questa stagione, ha messo a referto finora 10 gol e 5 assist. Non male per uno che di mestiere fa l’esterno. E pensare che prima dell’approdo ai Foxes sarebbe potuto finire in Serie A, o al Marsiglia, ma nessuno ebbe fiducia in lui, anche perché, nonostante le doti, militava nel Le Havre, in seconda divisione francese. Infine le due punte. Leonardo Ulloa, che si contende, molto spesso, la titolarità con King e Okazaki, e per finire colui che ha battuto il record di un certo Ruud Van Nisterlooy, Jamie Vardy. 15 presenze in campionato, 14 gol e 3 assist. Peccato che nell’ultimo turno, che ha visto il Leicester vittorioso sul campo dello Swansea per 3-0, non abbia segnato. Un rapace: 1,78 centimetri di furbizia, capacità fuori dalla norma, corsa, qualità e dribbling. Un mix perfetto, un killer d’area di rigore. L’ex Fleetwood town ora al Leicester è la grande scoperta della Premier di quest’anno: tutte le big europeo lo vorrebbero, ma lui è in procinto di rinnovare. Per non parlare delle seconde linee: Schwarzer, Schlupp, Wasilewski, Inler, Benalouane, tutti calciatori che stanno rendendo al meglio, anche giocando poco. Perché come si suol dire: squadra che vince, non si cambia. E lunedì arriva il Chelsea dello Special One Mourinho, in grandissima difficoltà. Chissà se il Leicester dovesse vincere, nulla di nuovo, insomma, ma sarebbe un altro avversario di rilievo messo faccia a muro, con la solita eleganza dei Foxes, naturalmente.

Leicester: mahrez vardy

Leicester: mahrez vardy

Un mix esplosivo che ha abbattuto gli avversari come birilli. L’Uragano è pronto a devastare l’Inghilterra, per inseguire quel grande sogno, che si chiama Premier. Ma guai a dirlo a Lord Claudio Ranieri. Ah, già… Claudio Ranieri. Etichettato come perdente, eterno secondo in Italia, sta trovando la sua rivincita nel campionato più difficile di tutti.  Maestro di tattica, l’ex Juve ha messo in riga i suoi: fase difensiva migliorabile, ma grande gioco offensivo e divertimento per i tifosi. I risultati dicono: “Yes, Man!”. Guai, però, a parlare di titolo: l’obiettivo resta la salvezza, ma neppure gli scettici ci credono più. Il sogno sembra sempre più possibile, ma per i Foxes rimane chiuso nel cassetto, a chiave, pronto ad essere custodito segretamente, come un gioiello di rara bellezza. Un po’ come la squadra inglese: belli da vedere, simpatici e di gran classe.

Tutti avvisati: la Premier è a portata di mano per Sir Claudio Ranieri e l’uragano Leicester.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *