Davide Terraneo
No Comments

I 5 motivi per cui l’Inter può sperare nell’impresa al San Paolo

Il match di lunedì sera vale il primo posto nella classifica di Serie A. Il Napoli è favorito, ma i nerazzurri...

I 5 motivi per cui l’Inter può sperare nell’impresa al San Paolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

16 risultati utili consecutivi, aspettando la sfida di domani sera in Europa League sul campo del Brugge. Il Napoli di Maurizio Sarri è in uno stato di forma strepitoso, e in questo momento probabilmente è la squadra più difficile da battere in Serie A. Lunedì sera sarà l’Inter di Mancini a tentare l’impresa, in un San Paolo sicuramente pronto per l’occasione. Eppure i nerazzurri hanno speranze di battere i partenopei. Per almeno cinque motivi.

PRESSIONE – Avere i favori del pronostico in un match così importante è un onore, ma può diventare un peso. Il Napoli ha finora mostrato un gioco sublime, e i tifosi si aspettano legittimamente un’altra prestazione di livello contro i nerazzurri. L’arma San Paolo potrebbe però rivelarsi a doppio taglio, perché per la prima volta nella stagione la partita è davvero uno scontro al vertice. In una piazza entusiasta ed esigente il gol dello svantaggio potrebbe mettere ai partenopei l’ansia di dover pareggiare. Non è semplice contro l’Inter, l’abbiamo visto più volte.

EUROPA – Come già ricordato, il Napoli sarà impegnato domani sera nella quinta giornata di Europa League in terra belga. Un impegno di scarsa importanza con qualificazione e primo posto già acquisiti, ma la trasferta potrebbe togliere energie a qualche elemento della rosa. Soprattutto considerando il viaggio, che non è tra i più impegnativi ma richiede comunque una certa distanza da coprire. I titolari rimarranno a riposo quasi sicuramente, ma dovranno comunque recarsi in Belgio.

PREPARAZIONE – Discorso collegato sempre all’impegno europeo. Se il Napoli di fatto avrà soltanto tre giorni per preparare la sfida con l’Inter, i nerazzurri possono godere di un’intera settimana per studiare l’avversario in campionato. Di sicuro Sarri non aspetterà sabato per valutare le mosse contro i ragazzi di Mancini, ma gli allenamenti dei campani difficilmente saranno mirati al confronto in campionato fino a quel giorno.

TATTICA – Dalla sua l’Inter ha anche la possibilità di sapere (a grandi linee) la probabile formazione che verrà schierata da Sarri, dato che il Napoli è sempre sceso in campo con il 4-3-1-2 o il 4-3-3 e non ha mai rinunciato ai punti cardine della rosa. Mancini invece ha dimostrato di saper mescolare le carte, variando dal 4-3-1-2 al 4-3-3 nella prima parte di stagione, per poi sperimentare moduli come il 3-5-2 contro il Torino e il 4-4-2 contro il Frosinone. Sarri non è uomo da lasciarsi ingannare da cambi di strategia, ma preparare in poco tempo una partita contro una squadra multiforme non è semplice per nessuno. E se i partenopei fossero colti di sorpresa?

MOTIVAZIONI – Un vantaggio innegabile dell’idea di Mancini di cambiare continuamente formazione è la motivazione che riesce a dare nei giocatori. Nessun nerazzurro è sicuro della maglia da titolare, tanto che anche pilastri come Icardi, Jovetic e Medel hanno provato ad accomodarsi in panchina anche quando stavano fisicamente bene. Con questo sistema è naturale che gli undici titolari siano ancora più portati a dare il 100% per avere più spazio, così come chi entra dalla panchina. Non che i ragazzi di Sarri abbiano finora dimostrato scarso impegno, sia chiaro. Ma avere i ruoli così definiti all’interno di una squadra può togliere motivazione sia a chi vede poco il campo sia a chi sa di essere fisso nell’undici di partenza. La voglia di dimostrare il proprio valore è spesso l’elemento che decide le partite e permette a giocatori di secondo piano di giocare una partita di altissimo livello. Potrebbe essere uno di questi cinque dettagli a fare la differenza. Forse tutti, forse nessuno.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *