Pietro Cartolano
No Comments

I 10 Juventus-Milan indimenticabili per i rossoneri

In questa guida, le dieci più belle e sentite vittorie del Milan contro la Juve negli ultimi 15 anni. Prendete Pop-Corn e Coca-Cola, non vi servirà altro

I 10 Juventus-Milan indimenticabili per i rossoneri
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La rivalità tra Juventus e Milan non è di certo cosa sconosciuta. Persino una pagina di Wikipedia è stata dedicata a questo antagonismo. Quando si avvicina una gara del genere, gli animi si scaldano e la tensione aumenta. Nulla di nuovo. Nel febbraio 2005, la Juventus F.C. si è espressa così su questo match: ”Anastasi contro Rivera, Del Piero contro Ronaldinho, Marchisio contro Ibrahimovic, Zidane contro Shevchenko: sfogliare la storia delle sfide fra bianconeri e rossoneri è come fare un ripasso sintetico della storia del grande calcio”. E come dar torto alla squadra torinese, in queste due società sono passati dirigenti, allenatori e giocatori di altissimo livello. I 17 palloni d’oro conquistati da giocatori che hanno militato in queste due squadre significano che oltre ad aver avuto giocatori di livello internazionale, il blasone della società è stato ad una quota altissima. L’ultimo pallone d’oro della Juventus è stato Cannavaro nel 2006 e l’anno dopo è stato Kakà a vincerlo per i rossoneri. In 160 precedenti in Serie A il Milan ha vinto ‘solo’ 48 volte. Andiamo a vedere, di seguito, le 10 migliori vittorie dei rossoneri negli ultimi 15 anni.

Dida e Shevchenko alla vittoria in finale di Champions 2003 contro la Juventus

Dida e Shevchenko, Milan. Vittoria in finale di Champions 2003 contro la Juventus

Juventus-Milan in ordine crescente di libido

10 Shevchenko, 2001 | Questa non fu una vittoria, ma un pareggio. Entra in questa classifica per il super gol di Shevchenko che salta un paio di avversari e dallo spigolo dell’area destro incrocia sotto il 7 sul palo lontano. Un gol da favola.

9 Inzaghi, 2007 | In nona posizione non può che esserci un partita decisa dal re dei numeri 9, SuperPippo Inzaghi. Doppietta per lui in quel trofeo Berlusconi che si giocò, stranamente, a Gennaio. Chi si sarebbe immaginato che la doppietta seguente per Inzaghi sarebbe stata quella di Atene?

8 La sorpresa, 2012 | Eh si, fu una sorpresa. Era il secondo anno di Conte alla Juve e la squadra torinese aveva già vinto il suo primo scudetto della nuova era. Robinho nel primo tempo con un rigore buca le mani di Buffon. La partita poi sarà un forcing dei bianconeri. La bella sorpresa fu, appunto, come il diavolo riuscì a battere quella squadra all’apparenza invincibile.

7 Il poker, 2008 | Nel trofeo Berlusconi, il Milan rifila 4 gol alla Juventus completamente in bambola degli avversari. Ad aprire le marcature fu un grandissimo gol di Marek ‘Forza 5’ Jankulovski. Una doppietta di Ambrosini e una rete di Inzaghi a completare il quadro per i rossoneri.

6 Road to scudetto, 2004 | Un 3-1 in casa della Juventus, spianò la strada al Milan verso lo scudetto vinto poi all’ultima giornata contro la Roma. Un gol di Shevchenko, stranamente, e una doppietta di Seedorf resero inutile il gol finale di Ferrara. Quella fu la 16^ partita in gol del Milan in quella stagione. Stagione che aveva appena superato la sua metà.

5 Le grandi firme, 2005 | Seedorf, kakà, Pirlo e Trezeguet. 3-1 per il Milan e firme altolocate per quel match. E pensare che la Juve non subiva gol da quattro giornate. C’è chi dice che fu tutta colpa dell’assenza di Buffon. Mah…

4 L’allenamento pt.1, 2009 | Nesta e doppietta di Ronaldinho in una nebbiosa serata di gennaio. La Juve non era del tutto in forma in quegli anni e il Milan ne approfittò senza pietà.

L’allenamento pt.2, 2010 | Nella stessa annata, l’ultima giornata di campionato (cioè il ritorno della partita precedente) si concluse, nuovamente, con il risultato di 3-0. Ad aprire le marcature un gol di Antonini e, come qualche mese prima, doppietta di Ronaldinho. Musica per le orecchie del Diavolo.

2 La rimonta, 2007 | Era agosto, il secondo trofeo Berlusconi dell’anno tra Milan e Juventus. Il gol di Inzaghi viene pareggiato da Nedved, a cui succede il gol di Del Piero per il completamento della rimonta della Juve. Poi, però, sale in cattedra il professor Clarence Seedorf. Gol e assist per Aubameyang per il definitivo 3-2 rossonero.

1 Noi realizziamo i vostri sogni, 2003 | Non ha bisogno di commenti questa partita. Finale di Champions 2003. Se non sapete di cosa sto parlando, andate immediatamente a rivedervi quella gara. IMMEDIATAMENTE.

E questa sera il Milan riuscirà a compiere un miracolo degno di questa classsifica?

@PietroCartolano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *