Connect with us

Cronaca

Moira Orfei, ‘regina’ delle gabbie, ‘icona’ delle fruste

Pubblicato

|

La ‘Regina’ è morta dove ha sempre vissuto, nella sua casa mobile… Fondò il suo circo, uno dei più famosi al mondo, nel lontano 1960… Di lei si innamorò Totò… Recitò con Gassman e Mastroianni… Ora lo spettacolo va avanti: così avrebbe voluto anche Lei… Missione ‘copia-incolla’ compiuta.

NECROELOGIO DI STATO – A leggere i resoconti dei maggiori quotidiani on-line sulla morte di Moira Orfei, autentica leggenda di un’autentica indecenza, si viene presi dallo sconforto: possibile che nessuno, tranne qualche rara eccezione, senta il dovere di dire tutta la verità? E di dedicare ampio spazio non solo alle sue luci ma anche, e soprattutto, alle sue ombre (numerose, e purtroppo destinate a proiettarsi nel futuro)? Eppure la Regina, l’icona, l’artista e così via sviolinando era il simbolo stesso dei diritti animali negati, della coercizione per diletto e di un mondo da cestinare a frustate. Già, è vero, ma chi se ne frega: quello che conta, per i nostri incensieri mediatici, è ricordare il Clown d’Oro al Festival internazionale del circo e il giovanile “lato b da urlo”. Oltre al famoso neo, naturalmente: l’unico, fra i tanti, che riescono a vedere.

Vita da circo

Vita da circo

Cosa ne pensa di tutte le polemiche legate ai circhi e agli animali? chiese due anni fa Mauro Paloschi di Bergamonews alla ‘grande amica di Fellini’. “Non voglio dedicare tempo a queste infondate polemiche – rispose lei seccamente – Questi signori che venissero in incognito come potenziali inservienti a vedere come vivono e vengono trattati i nostri animali (chi lo ha fatto l’ha denunciata, come ad esempio Lorenzo Croce, presidente nazionale dell’Associazione Italiana Difesa Animali & Ambiente, ndr). Avrebbero poco da criticare e giudicare. Sono movimenti di protesta spesso pilotati da gente che non ha altro in mente che manifestare incivilmente senza essere informati e documentati”.

Ecco, questa era fondamentalmente Moira Orfei. Un ruggito la seppellirà.

Enrico Steidler

Continue Reading
1 Comment

1 Comment

  1. lorenzo croce

    17 novembre 2015 at 14:50

    io conoscevo personalmente moira orfei. e sono stato anche nella sua casa mobile. confermo quello che ho scritto. chi sfrutta gli animali è ipocrita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending