Mattia Prina
No Comments

Le 4 verità sulla pubalgia di Balotelli

Balotelli è un caso: non gioca dal 27 settembre e non si sanno ancora i tempi di recupero. Vediamo le 4 verità sulla pubalgia di Mario

Le 4 verità sulla pubalgia di Balotelli
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La sua ultima partita è stata col Genoa il 27 settembre: da allora Mario Balotelli non è più sceso in campo. La causa è da ricercarsi nella pubalgia, lo stesso problema che ha costretto al ritiro anticipato di Federico Balzaretti e ha perseguitato numerosi calciatori come Pato, Emerson, Ibrahimovic e Kakà. Vediamo le 4 verità sulla pubalgia di Super Mario.

GIA’ INFORTUNATO – Nella sconfitta di Genova, Balotelli accusava già qualche problema di pubalgia ed è spuntata quest’oggi un’immagine, durante il colloquio col medico Tavana in cui un  cerotto copriva la zona del pube. Balotelli ha giocato tutti i 90 minuti e probabilmente questo infortunio poteva essere gestito meglio dallo staff sanitario rossonero, che anziché tenerlo a riposo ha quasi sicuramente aggravato la situazione.

C_29_articolo_1081633_upiImgLancioOriz

Balotelli a Genova con il cerotto sul pube.

POSSIBILE OPERAZIONE – Nei prossimi giorni si valuterà se Balotelli dovrà finire sotto i ferri per risolvere il fastidio: in caso affermativo lo stop potrebbe essere di circa tre mesi. Altrimenti proseguirà la terapia conservativa come in queste settimane, ma i tempi di recupero in questo caso sono ancora ignoti.

ECCESSI – La pubalgia che lo sta attanagliando è sintomo degli eccessi che Balotelli ha avuto in passato: all’Inter e al Milan lo si vedeva spesso bazzicare locali notturni, rientrare a notte fonda e arrivare tardi agli allenamenti, mentre al Liverpool si allenava poco e male. Questo problema sorge negli atleti che hanno per esempio una cattiva postura, scarpe non adatte ad allenarsi ed allenamenti su terreni molli.

ATTENZIONE – Il Milan quest’estate non ha voluto spendere un euro per Balotelli, richiedendo al Liverpool un prestito secco. Probabilmente lo staff tecnico-sanitario era già a conoscenza della fragilità muscolare di Super Mario e ha preferito non investire somme importanti per riportarlo in Italia.

Mattia Prina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *