Stefano Barchi
No Comments

Torino-Inter 0-1: Decide un gol di Kondogbia

La squadra di Mancini centra la settima vittoria per 1 a 0: decide per l'Inter un gol di Kondogbia nel primo tempo. Toro pericoloso sullo 0-0

Torino-Inter 0-1: Decide un gol di Kondogbia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La squadra di Mancini centra la settima vittoria per 1 a 0, la terza di fila, decide un gol di Kondogbia nel primo tempo. Toro pericoloso sullo 0-0 con una traversa colpita dall’ex Benassi poi ci pensa Handanovic a lasciare a bocca asciutta i ragazzi di mister Ventura, chiudendo la saracinesca sulle conclusioni di Quagliarella, Belotti e Vives.

Roberto Mancini, allenatore dell'Inter

Roberto Mancini, allenatore dell’Inter

La solita Inter spietata che vivrà la sosta per le nazionali da prima in classifica. Dopo l’ennesima rivoluzione di Mancini, i nerazzurri vincono ancora in trasferta contro un Torino che ha da recriminare una traversa e un paio di episodi dubbi in area interista ultimo quello su Maxi Lopez.

Da segnalare la prestazione maiuscola del portierone sloveno, poi quella del solito Medel che inizia la partita giocando da regista e per finirla da trequartista.

La sorpresa oltre al primo gol ufficiale in maglia nerazzurra è stata la prestazione di Kondogbia. Il francese arrivava dalla panchina contro la Roma e da prestazioni comunque poco convincenti che mettevano in dubbio il suo valore.

Oggi a Torino ha giocato con autorità a centrocampo, dispensando a tratti della  qualità. Forse la miglior partita questa di Kondogbia, dimostrando di avere anche carattere. Insomma non ci poteva essere migliore risposta contro le critiche che gli sono piovute addosso.

Bisogna dire che la prestazione dell’Inter è stata migliore nel primo tempo, mentre nel seconda metà della partita si è verificato un calo, causato anche dalla maggiore pressione del Toro. La squadra di Mancini fatica a giocare ma vince anche questa.

Il Torino avrebbe meritato probabilmente di raccogliere almeno un punto, ma ora come ora contro il tandem difensivo Miranda-Murillo con l’aggiunta di Handanovic che costituiscono il punto di forza della squadra nerazzurra risulta difficile segnare.

Spietata, forte fisicamente, cinica ma anche intelligente, questa è l’Inter.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *