Sanda Urda
No Comments

MotoGP Valencia, Lorenzo Campione, ma Rossi supereroe

Jorge vince gara e titolo, Vale ha dato di più di quello che aveva

MotoGP Valencia, Lorenzo Campione, ma Rossi supereroe
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il mondiale MotoGP 2015, si è concluso con il Gran Premio Motul de la Comunidad Valenciana, 18° tappa nel calendario. In condizioni ottimali e sotto gli occhi del mondo intero, i due alfieri Movistar Yamaha MotoGP, separati dai 75m in griglia di partenza, si sono giocati il titolo davanti a 110.000 spettatori, venuti qui a supportare alcuni il #46, ed altri il #99. Dal WUP di stamattina risultava Marc Marquez il più veloce, ma anche Vale ha dato segni di ripresa.

foto MotoGP: Alessandro Giberti

MotoGP Valentino Rossi

ANALISI GARA– Partendo dal presupposto che tutti avete visto la gara, ci fermeremo sui aspetti principali questo GP spagnolo. Al centro di tutto è stato Valentino Rossi, sanzionato e costretto a partire ultimo, insieme a Cal Crutchlow (LCR Honda) che ha avuto problemi con la moto in Pit Lane. Per il Dottore delle moto non è stato facile, però nonostante tutto è riuscito a rimontare, e al terzo passaggio era già in top ten. Purtroppo la sua scalata si è fermata alla quarta piazza, perché il distacco dai primi tre era troppo (13 secondi da Pedrosa che era terzo).

Di fatto, la gara e il campionato, sono state decise nel gruppo di testa. Jorge Lorenzo, poleman qui, ha preso ed è andato, battendo anche il Record del Circuito al terzo giro con il suo 1’31.367, mantenendo la vetta della corsa fino al traguardo. Che dire del maiorchino? Ha avuto un weekend perfetto che lo ha incoronato Campione del Mondo per la terza volta in classe regina e quinta in carriera, e tutto grazie alla 61° vittoria di sempre e settima stagionale. Tutto lo sforzo e la dedizione del #99 che ha dimostrato quest’anno sono state ripagate. Peccato che il suo risultato rimane comunque macchiato dalla scorrettezza di Marc Marquez (Repsol Honda Team) che nasconde il proprio orgoglio ferito dietro alla solidarietà verso un connazionale. Anche qui, il #93 ha messo in atto il suo gioco sporco contro Vale, non sorpassando Lorenzo, anche se si poteva percepire nel fine gara che era fattibile, e come se non bastasse, quando il #26 con il serbatoio quasi vuoto si è avvicinato, lo ha tenuto lontano dal leader. A quanto pare, nessuno e niente riesce a controllare il “piccolo diavolo“, quale ha distrutto il bellissimo castello del 10, costruito da Rossi mattone su mattone, fin dal Qatar.

Grande dispiacere per la scivolata di Andrea Iannone (Ducati Team) alla curva 12, quando mancavano ancora 28 giri alla fine, ma il morale del box rimane alto con Andrea Dovizioso in settima posizione. Da ammirare anche Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) per come si è fatto da parte lasciando libera la traiettoria per Rossi, anche se in tanti l’hanno considerato un gesto vergognoso, non è stato molto diverso da quello di Marc a Sepang quando ha aperto la strada a Lorenzo.

Miglior rookie dell’anno è Maverick Vinales (Team Suzuki Ecstar) quale ha totalizzato ben 97 punti e si trova in 12° posizione nella classifica iridata. Vince il Campionato Open Hector Barberà (Avintia Racing) in sella alla Ducati, con 33 punti, davanti a Loris Baz (Forward Racing) con 31 e Jack Miller (LCR Honda) con 17 punti nel suo primo anno in top class, arrivato direttamente dalla Moto3.

La classe regina, MotoGP rimane a Valencia per i primi test in vista del campionato 2016, che si svolgeranno il prossimo martedì e mercoledì.

Peccato non si possa dire che è stato tutto TRASPARENTE, come ci aveva abituati questo meraviglioso sport!

Qui la classifica #ValenciaGP

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *