Sanda Urda
No Comments

MotoGP Valencia, Inizio felice per Lorenzo

La combinata di prove libere del venerdì è dominata da Jorge, ma Valentino, in quinta posizione con solo 3 decimi di ritardo

MotoGP Valencia, Inizio felice per Lorenzo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il paddock della MotoGP è già installato sul circuito Ricardo Tormo, in vista dell’ultima tappa nel calendario, il GP Motul de la Comunitat Valenciana. Dopo le due settimane ricche di colpi di scena, che hanno seguito la gara di Sepang, la classe regina si avvicina alla conclusione di questo discusso “Mondiale dei Mondiali“. Gli occhi del mondo sono puntati sui due contendenti al titolo, cioè i due alfieri del team Movistar Yamaha, ma anche le Honda e le Ducati, potranno diranno la loro qui.

RACCONTO DELLE PROVE LIBERE– Tra casini e diverbi, inizia l’attività in pista con le prime due sessioni di prove libere. Analizzando la combinata dei crono, si osserva la competitività, visto che sono in 7 i piloti compresi in mezzo secondo. Complice anche il sole e le temperature non troppo alte dell’asfalto, che si spera rimanga stabile anche domenica per la gara.

foto MotoGP: Alessandro Giberti

MotoGP Valencia (Spain) 06 Novembre 2015
NELLA FOTO: Valentino Rossi

Il team Movistar Yamaha MotoGP, nonostante tutto, dimostra grande professionalità, mantenendo la pressione sotto controllo. Di fatto, in testa alla classifica combinata si piazza Jorge Lorenzo con il suo Giro Veloce 1’31.111, segnato nel pomeriggio, dopo la seconda posizione nella FP1. Al maiorchino appartiene anche il miglior passo (pure con la gomma usata ha girato in 1’31 per svariati passaggi). Il principale rivale e compagno di squadra Valentino Rossi è soddisfatto, anche se in quinta posizione, ha solo tre decimi di ritardo da Jorge, e sicuramente può fare meglio, come si è visto a fine FP2, quando per essere uscito dalla pista alla curva 11, gli è stato cancellato il crono del time attac. Entrambi hanno fatto comparativa gomme, e le loro YZR-M1 sembrano al top con il setting.

Per il Repsol Honda Team la situazione è simile, con Marc Marquez che continua a dare spettacolo con le sue bravate, tipiche del suo stile di guida al limite. Il #93 domina la sessione del mattino, ma, a differenza della maggior parte dei piloti, non migliora nel pomeriggio, chiudendo la giornata in seconda posizione e con 139 millesimi di ritardo dal giro record del #99. Il compagno di box, Dani Pedrosa, conquista la terza posizione con il suo 1’31.377, secondo nella classifica della FP2.  Come passo, sono entrambi vicini alle Yamaha, ma mancano ancora due sessioni di prove libere e la qualifica, opportunità per migliorarsi.

Ottimo inizio anche per il Ducati Team con Andrea Iannone, signore del T1, che si mette subito dietro al #26 con il suo 1’31.444, ottenuto sempre nel pomeriggio, mentre il teammate Andrea Dovizioso chiude in settima posizione, non migliorandosi nella FP2. L’orgoglio della casa di Borgo Panigale lo porta in alto anche Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing), quale chiude la giornata in seconda fila virtuale, tra il #46 e il #04.

Completano la top ten i fratelli Espargarò (con Pol in sella alla Yamaha Tech3 8° e Aleix sulla Suzuki Ecstar 9°) e Cal Crutchlow (LCR Honda). Il gap superiore ad un secondo comincia dalla 13° posizione, quella di Michele Pirro, collaudatore e wild card #Ducati, preceduto da Hector Barberà del Avintia Racing, e seguito da Yonny Hernandez, compagno del #9.

La top class, MotoGP, torna in pista domani cominciando dalle 09:55 per la terza sessione di prove libere, per continuare nel pomeriggio con la FP4 e poi la qualifica. Ricordiamo che Rossi parteciperà a tutte le sessioni, ma nonostante il risultato nella QP, partirà dall’ultima casella in gara (dopo la sanzione di Sepang, confermata anche dal TAS quale non ha accolto il ricorso).

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *