Nadia Gambino

Attaccanti: i 3 top e i 3 flop del campionato

Attaccanti: i 3 top e i 3 flop del campionato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Eder, in testa alla classifica marcatori insieme a Higuain

Eder, in testa alla classifica marcatori insieme a Higuain

La serie A inizia a entrare nel vivo, le squadre racchiuse in un gruppetto al comando cercheranno di fare punti per provare la fuga dopo la detronizzazione della Juve. Saranno importanti le vittorie ed i gol degli attaccanti.

Top – Tra i top troviamo di sicuro Gonzalo Higuain. Il Pipita sta trascinando il Napoli di Sarri, criticato all’inizio anche da Maradona. Ma i risultati fin qui ottenuti dal tecnico toscano sono migliori rispetto al suo predecessore Benitez. Higuain, in testa alla classifica capocannonieri con 8 reti in 10 giornate sta trascinado i partenopei verso una grande stagione.

Al secondo posto fra i top, troviamo Eder. L’italo-brasiliano della Sampdoria, in testa alla classifica cannonieri con l’argentino del Napoli, per la gioia di Zenga, sta attraversando un buon momento regalando soddisfazioni ai suoi tifosi e al ct della Nazionale Antonio Conte.

Terzo tra i top, c’è Bacca. Il milanista è l’unica nota positiva del Milan di questo inizio campionato. Ha trasformato in gol ( 5 fino a questo momento) i pochi assist del centrocampo milanista, orfano di un vero assistman per gli attaccanti. Il colombiano ha fatto tutto quello che poteva per la squadra di Mihailovic e nonostante il gioco lento e la manovra indecisa Bacca ha trasformato comunque i pochi palloni giocabili in gol pesanti.

Flop – Tra i flop, al primo posto c’è il capocannoniere della passata stagione Mauro Icardi. La fascia da capitano pesa e l’interista stenta a trovare le reti e così il goleador della passata stagione deve guardare dal basso verso l’alto i colleghi attaccanti.

Al secondo posto si piazza Dzeco. Tante le aspettative su di lui. Garcia gli ha dato le chiavi dell’attacco della Roma, ma con una sola rete in 11 gare è un bottino assai povero per uno come lui. La vetta persa dei giallorossi è la prova che i suoi gol mancano.

Terzo posto per Mandukic: arrivato per sostituire Tevez, lo juventino ha fatto poco rispetto al suo predecessore e si piazza così al terzo posto. Il momento no della Juve di certo non lo aiuta. Segna poco, gioca poco e non è diventato il punto di riferimento dell’attacco. troppo poco rispetto alle aspettative.

Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *