Connect with us

Buzz

I 4 motivi per cui Luiz Adriano rischia il posto da titolare

Pubblicato

|

Luiz Adriano

Arrivato in pompa magna dallo Shakhtar Donetsk, Luiz Adriano ha finora faticato a gonfiare la rete. Dopo il gol contro l’Empoli alla seconda giornata, l’attaccante brasiliano è rimasto a secco per quasi due mesi, tornando ad esultare solamente domenica scorsa in casa contro il Sassuolo. Quando Balotelli, Menez, e Niang torneranno a disposizione di Mihajlovic, per Luiz Adriano la situazione potrebbe diventare complicata. La mission per l’ex Shakhtar dunque è di sfruttare al massimo le occasioni che gli capiteranno in queste settimane. Ecco i 4 motivi per cui il centravanti brasiliano potrebbe rischiare il posto da titolare.

BACCA – L’attaccante colombiano è il capocannoniere della squadra rossonera e a rigor di logica è insostituibile per il mister rossonero. Inoltre Bacca è stato pagato 30 milioni quest’estate e dunque lasciare in panchina un attaccante da 20 gol in campionato sarebbe una mossa insensata.

IMPRECISIONE – Luiz Adriano ha dimostrato sinora nel campionato italiano un’imprecisione sottoporta non da lui: gridano ancora vendetta le palle gol sciupate contro l’Inter. Raddrizzare la mira sarà fondamentale per continuare a mettere in difficoltà il tecnico serbo.

Il Milan batte a fatica l'Empoli grazie alle reti di Bacca e Luiz Adriano

Luiz Adriano rischia il posto da titolare al Milan

POCA PROFONDITA’ – Si diceva che una delle migliori caratteristiche del brasiliano fosse saper giocare spalle alla porta: finora però questa qualità non si è ancora vista. La Serie A è il campionato più difensivo del mondo e i difensori che lo hanno affrontato hanno quasi sempre avuto la meglio. E’ pur vero che i 2 gol totali segnati in campionato li ha realizzati di testa.

TROPPO ISOLATO – Un attributo negativo di Luiz Adriano è che difficilmente si trova al centro della manovra, non entra con grande frequenza nella costruzione. Preferisce giocare alto e con la poca qualità della mediana rossonera questo metodo di gioco alla lunga non paga.

Mattia Prina

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending