Mattia Prina
No Comments

I 3 top & flop di Milan – Sassuolo

Ecco i promossi e i bocciati della sfida valida per la 9^ giornata di Serie A

I 3 top & flop di Milan – Sassuolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Finalmente torna il sorriso in casa Milan. La vittoria per 2-1 sul Sassuolo, nonostante la prestazione tutt’altro che positiva malgrado gli emiliani abbiano giocato in 10 per 60 minuti e la contestazione della Curva Sud, ha rilanciato le ambizioni di classifica degli uomini di Mihajlovic che, mercoledì nel turno infrasettimanale in casa contro il Chievo, dovranno approfittare del calendario favorevole per continuare a risalire la classifica. Ecco i top e i flop della gara di ieri.

TOP MILAN – SASSUOLO

BACCA – E’ nettamente il migliore in campo: si procura e realizza il rigore dell’1-0. Attaccante di razza, quello che mancava al Milan della scorsa stagione, da sempre l’idea che prima o poi la possa buttare dentro. Molto mobile, dialoga spesso coi compagni del reparto avanzato ed è difficile da fermare per i difensori avversari.

CERCI – probabilmente quella di ieri per Alessio Cerci è stata la migliore partita disputata da quando indossa la maglia rossonera. Buone giocate e cross interessanti, serve a Bacca una spendida palla in verticale, che poi il colombiano trasforma in calcio di rigore. Sembra in costante crescita, sperando che non sia un fuoco di paglia.

BERARDI – la bestia nera del Milan (8 reti al Diavolo) è l’unico che tiene in vita il Sassuolo che, vista l’inferiorità numerica, non riesce praticamente mai a pungere. La punizione è di ottima fattura, ma l’errore di valutazione del giovanissimo Donnarumma è sicuramente determinante ai fini dell’esito finale del piazzato.

La bestia nera del Milan Domenico Berardi ha colpito il Milan anche ieri

La bestia nera del Milan Domenico Berardi ha colpito il Milan anche ieri

FLOP MILAN – SASSUOLO

ANTONELLI – perde quasi sempre il confronto sulla fascia con Vrsaljko e quelle poche volte che si propone in fase offensiva sbaglia gli appoggi per i compagni. Ma soprattutto si mangia un gol davanti a Pegolo in mezzo all’area svirgolando di destro il pallone.

CANNAVARO – sbaglia la trappola del fuorigioco in occasione del rigore su Bacca. Nel secondo tempo abbatte l’incontenibile attaccante colombiano lanciato sulla fascia, beccandosi il cartellino giallo.

CONSIGLI – la sua partita dura soltanto 29 minuti. Tocca Bacca, causandone il calcio di rigore e l’espulsione per chiara occasione da rete.

Mattia Prina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *