Enrico Steidler
No Comments

Rimuovono l’opera d’arte scambiandola per spazzatura: elogio di due sbadate

Arriva da Bolzano una notizia che ci rallegra (e vendica l'arte)

Rimuovono l’opera d’arte scambiandola per spazzatura: elogio di due sbadate
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Solidarietà, comprensione e simpatia. Ecco cosa provo per le due addette alle pulizie del Museion di Bolzano che hanno rimosso l’opera “Dove andiamo a ballare stasera?” convinte di trovarsi di fronte a un mucchio di rifiuti. E’ così, infatti, ma purtroppo viviamo in una società incomprensibile; se il mio cane fa la popò sul marciapiede e io non la rimuovo mi becco la multa, giustamente, ma se gliela faccio fare nel bel mezzo di un museo allora tutto cambia: è un’opera d’arte, si vede chiaramente, e guai a chi tocca “Meditazioni su una cena”.

QUESTIONE DICORNICE‘ – Guardate la composizione realizzata dalle sedicenti artiste Sara Goldschmied ed Eleonora Chiari e poi chiedetevi chi ha torto: le due addette alle pulizie oppure la follia che le circonda? E’ colpa loro se l’arte si è ridotta a un fatto meramente s-figurativo, e se i quadri di autori osannati come Pollock e Fontana possono essere appesi al contrario senza che nessuno se ne accorga? Sotto questo aspetto, c’è qualcosa di sublime e di catartico al tempo stesso nella notizia proveniente da Bolzano, qualcosa che suona come una riscossa invocata da decenni: giustizia è fatta, era ora, anche se accidentalmente. E solo in parte: “Il danno è stato fatto – spiega la direttrice del museo Letizia Ragaglia dalle pagine dell’Alto Adige – ma per fortuna riusciremo a rimediare perchè l’installazione non è stata buttata”.

Va bè, dai, accontentiamoci: conta il gesto.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *