Roberto Cusimano
No Comments

Da zero a dieci: le pagelle bastarde dell’ottava giornata

Nella giornata caratterizzata dal derby d'Italia, a trionfare è invece il Napoli di Maurizio Sarri. Bocciato il Milan

Da zero a dieci: le pagelle bastarde dell’ottava giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo la pausa dovuta agli impegni delle Nazionali, i campionati sono ricominciati e, soprattutto in Italia, si sono giocate partite molto significative ai fini della classifica. Non ci sono state delle vere e proprie sorprese, certo ha colpito la sconfitta della capolista Fiorentina, caduta al “San Paolo” per mano di un Napoli che si conferma in ottimo stato di forma. Il derby d’Italia tra Juve e Inter invece ha un po’ deluso le aspettative ed è terminato 0-0. Negli altri campionati le big hanno vinto senza troppo soffrire, nessun voto negativo per loro anzi in cima alla nostra classifica ci sono i veri e propri eroi del weekend appena trascorso.

Voto 0 BOLOGNA – Sette sconfitte su otto gare giocate per i rossoblu che rimangono il fanalino di coda del nostro campionato. Fiducia a tempo per Delio Rossi, confermato dopo quest’altro passo falso. L’impressione è che sabato prossimo, a Carpi, non potrà più sbagliare. L’attacco bolognese rimane il peggiore del campionato con Destro e Brienza, gli uomini di maggior classe, ancora a secco di reti dopo otto turni.

Voto 1 MILAN – Uno come il solo punto conquistato negli ultimi tre turni di campionato. La formazione rossonera, tenuto conto del mercato fatto in estate, sta assolutamente deludendo le aspettative dei tifosi. Attualmente si trova a metà classifica, i dieci punti conquistati sono il frutto di tre vittorie, un pari e ben quattro sconfitte. Tra gli acquisti di spessore il solo Bacca sta dimostrando di essere da Milan, tutti gli altri rimangono ancora un enigma.

Voto 2 GUIDA – Ancora una volta l’arbitro campano finisce sotto i riflettori per una decisione molto discutibile accaduta ieri al “Mapei Stadium”. Erano trascorsi pochi minuti dal fischio iniziale di Sassuolo-Lazio quando ha deciso di fischiare (con l’ausilio dell’arbitro di porta) un rigore ai padroni di casa per un presunto fallo di Lulic su Cannavaro. Gli uomini di Di Francesco hanno in seguito vinto la gara 2-1, anche meritando, ma tuttavia rimane l’errore abbastanza grossolano dell’arbitro, che con quel rigore ha indirizzato il match a favore dei neroverdi.

Voto 3 RAFAEL – Non una giornata felice per il portiere brasiliano che ha letteralmente regalato il gol del pari firmato da Thereau. Se l’Hellas non ha vinto la sua prima partita in campionato, buona parte della colpa è sua.

Voto 4 SAMPDORIA – I blucerchiati da qualche giornata non sono più gli stessi e ieri al “Matusa” contro il Frosinone lo hanno dimostrato. Prestazione sottotono da parte di Muriel (che ha preso un palo), ma in particolare di Eder, il capocannoniere del campionato. Uno stop inaspettato ma che servirà da esempio per non sottovalutare nessuna gara.

Voto 5 INTER – Le cinque vittorie consecutive avevano illuso un po’ tutti i tifosi bisogna ammetterlo. Da qualche settimana invece i nerazzurri sembrano tornati sul pianeta Terra, incontrando le tipiche difficoltà di una squadra che di sicuro può contare su ottime individualità, ma che non dimostra avere una grande fluidità di gioco e nemmeno un gran feeling con la rete. Ieri contro una modesta Juve ha impattato 0-0 e sono state solo due le occasioni nitide per segnare.

Voto 6 ROMA – Tre vittorie di fila e miglior attacco della Serie A. Eppure non ci sentiamo di darle un voto maggiore. Il motivo è dovuto al fatto che i giallorossi non esprimono un bel gioco, lì davanti contrariamente all’Inter trovano il gol con più facilità però anche con l’Empoli, prima che Pjanic sbloccasse la gara, stavano faticando e i toscani sembravano avere la situazione in pugno. Domenica contro la Viola sarà un bel banco di prova.

Voto 7 SORRENTINO – Gran parte del merito della vittoria ottenuta al “Dall’Ara” da parte del Palermo va al suo portiere, autore di diverse parate belle e decisive ai fini del risultato. Se non fosse per Sorrentino i rosanero sarebbero probabilmente la peggior difesa del campionato e avrebbero meno punti in classifica.

Voto 8 GOMEZ E PELLISSIER Il Papu Gomez e l’eterno Sergio Pellissier si meritano un bell’otto in pagella grazie ai loro straordinari gol messi a segno contro rispettivamente Atalanta e Genoa. L’argentino ha segnato la seconda delle tre reti bergamasche direttamente da calcio d’angolo mentre l’aostano aveva realizzato il provvisorio 2-2 con un tacco a volo altamente spettacolare.

Voto 9 NAPOLI – Terza vittoria di fila pure i partenopei che ieri pomeriggio hanno fermato la corsa della Fiorentina. Nonostante ci sia stata la sosta di mezzo nulla è cambiato per Insigne e Higuain, assoluti mattatori della squadra di Sarri. Già contro Juve e Lazio i due erano andati a segno e in quel caso erano arrivate due vittorie. Insomma le loro reti sono state finora sinonimo di vittoria.

Voto 10 NEYMAR E WIJNALDUM – Lanciando uno sguardo fuori dal nostro campionato, notiamo come sia il Barcellona sabato che il Newcastle ieri hanno strapazzato Rayo Vallecano e Norwich vincendo rispettivamente 5-2 e 6-2. Assoluti protagonisti delle due gare sono stati il brasiliano Neymar e l’olandese Wijnaldum, che hanno segnato un poker ciascuno. Fa da sé che a questi due individui è impossibile non dargli il 10 in pagella.

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *