Giulia Cassini
No Comments

Acquario di Genova e scienza per tutti

Acquario con tanti appuntamenti e il Festival della Scienza per imparare divertendosi

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’Acquario di Genova parte in quarta: oltre al nuovo percorso cuccioli con le sessioni di allattamento recentemente aperte al pubblico, si da’ il via al primo incontro culturale del ciclo 2015-2016 il prossimo 21 ottobre alle ore 17 con “Storie di navi e principesse che non fecero ritorno”, per la rassegna all’Acquario appunto, dei cosiddetti “Mercoledì della scienza”. Vale a dire eventi dell’Associazione  Amici dell’Acquario che si snocciolano in incontri e conferenze aperti a tutti a cadenza settimanale fino all’8 giugno 2016. Gli incontri degli Amici dell’Acquario, che per questa stagione avranno luogo nell’Auditorium dell’Acquario di Genova ogni mercoledì alle ore 17 anziché alle consuete 17.50, condurranno il pubblico in un percorso scientifico e culturale che spazierà tra diversi argomenti: principesse, migrazioni, equilibrio, fotonatura e luna. Il primo a cui abbiamo accennato è un ottimo inizio grazie alla presenza prestigiosa di Massimo Minella, scrittore e giornalista di Repubblica, che grazie al contributo del fisarmonicista Franco Piccolo e alla proiezione di preziose immagini, darà vita ad una sorta di spettacolo di grande suggestione sul tema delle migrazioni, dal titolo “Storie di navi e principesse che non fecero ritorno”. L’incontro è organizzato in collaborazione con l’Acquario di Genova, il Galata Museo del Mare, che al tema dell’emigrazione italiana del secolo scorso verso le Americhe, Argentina e Brasile e dell’immigrazione contemporanea ha dedicato un intero piano del percorso espositivo, e il CISEI, centro per lo studio delle emigrazioni.

Temi di importanza filologica, storica, documentale e scientifica per il ciclo dei Mercoledì della scienza all’Acquario di Genova

Acquario di Genova, uno dei cuccioli

Acquario di Genova, uno dei cuccioli

La stagione è molto ricca quest’anno e proseguirà con il ciclo dedicato al tema dell’Equilibrio, che prende il via mercoledì 28 ottobre in occasione del Festival della Scienza. Organizzato in collaborazione con la Scuola di Scienze MFN dell’Università di Genova, il ciclo si intitola “Di equilibrio in equilibrio in natura scienza ed arte” e accompagna il pubblico di mercoledì in mercoledì fino al 2 dicembre all’esplorazione dell’equilibrio sotto diverse angolazioni, dalla matematica all’astrofisica, dall’ambiente marino alla musica.Un ultimo incontro prima delle festività natalizie, mercoledì 9 dicembre dal titolo “Dovevorreiessere” con racconti ed immagini di viaggi in 6 paesi extraeuropei. A gennaio, la stagione riprenderà all’ Acquario con un ciclo di incontri con i fotografi della natura: un’occasione di viaggiare tra safari in Sud Dakota, immersioni nella natura della Costa Rica, viaggi alla scoperta della vita degli Inuit, picchi perennemente innevati alle pendici dell’Everest, senza dimenticare un tocco più “nostrano” con un excursus sulle specie di uccelli che popolano i nostri cieli, l’alta via dei monti liguri e il selvaggio paesaggio della Sardegna. L’Ultimo ciclo della stagione dell’Associazione Amici dell’Acquario sarà dedicato ai mille volti della Luna, vista come corpo celeste che influenza i cicli naturali e produttivi, ma anche come fonte inestinguibile di ispirazione artistica, tra poesia, canto e musica. Tutti gli incontri si svolgono presso l’Auditorium dell’Acquario di Genova alle ore 17 e sono a partecipazione libera fino ad esaurimento posti disponibili (informazioni, 010/2345.279-323, amici@costaedutainment.it ).

Genova, città della scienza

Ma gli appuntamenti a Genova non si esauriscono nella bella cornice dell’Acquario: c’è, come anticipato, il Festival della Scienza con la sua XIII edizione dal 22 ottobre al primo novembre. Conferenze, laboratori, mostre e spettacoli , tra cui la presentazione del saggio “La sostanza delle cose: storie incredibili dei materiali meravigliosi di cui è fatto il mondo” (Bollati Boringhieri, pp 256, euro 22) del chimico Mark Miodownik, che tra l’altro spiega come anche il cioccolato sia fatto di cristalli di burro di cacao, solido fino a quando si sciolgono in bocca. Insomma non solo le gemme sono “cristalli”, anche i metalli, ad esempio, sono composti da cristalli. Un viaggio nella scienza accessibile che ci fa vedere il mondo da un altro punto di vista. Un libro che coglie nel segno dell’obiettivo di questo Festival: avvicinarsi alla scienza con curiosità e con approcci non prettamente accademici ma al contrario sperimentali e divertenti. Tra gli altri personaggi a Genova: Roberta Pinotti, Stefania Giannini, Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano, Giorgio Parisi, Jared Diamond, Sheref Mansy, per citare i più noti. A corallario, senza però sottovalutarne l’importanza, anche una esposizione: “Enrico Fermi. Una duplice genialità tra teorie ed esperimenti”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *