Gianluca Nucci
No Comments

La top 10 degli allenatori svincolati

Da Ancelotti a Capello, passando per Montella: ecco la top 10 degli allenatori attualmente arruolabili per i club di Serie A

La top 10 degli allenatori svincolati
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Siamo già giunti all’8° giornata di campionato e, sulle panchine della Serie A, vigono ancora gli stessi nomi di inizio stagione, fatta eccezione per Sannino, che è subentrato al posto di Castori alla guida del Carpi.

Se è vero però che si è interrotto in parte l’andamento degli ultimi anni, è altrettanto reale la situazione precaria di diversi allenatori sui campi della Serie A, che da un momento all’altro potrebbero cedere il posto a qualche nuovo nome. Così, facendo gli scongiuri per i tecnici dei club italiani e non solo, andiamo a scoprire la top 10 degli allenatori attualmente svincolati.

ALLENATORI QUASI TUTTI ITALIANI

CARLO ANCELOTTI – Il nome forte, è sicuramente quello di Carlo Ancelotti, per molti clamorosamente sollevato dall’incarico di allenatore del Real Madrid lasciando il posto a Rafa Benitez. Carletto non ha bisogno di presentazioni: è semplicemente il miglior allenatore che si possa trovare in circolazione, ammesso che lui apra la porta a chiunque gli si presenti…

FABIO CAPELLO – Dopo la doppia avventura come commissario tecnico sulle panchine di Inghilterra e Russia, il buon Capello potrebbe accettare di tornare sulla panchina di un club trovando l’offerta giusta, sia a livello economico che tecnico.

Allenatori: Bielsa alla guida del Marsiglia, nella scorsa stagione

Allenatori: Bielsa alla guida del Marsiglia, nella scorsa stagione

MARCELO BIELSA – Quando c’è lui alla guida della squadra, non è insolito vedere più attaccanti che difensori in campo; d’altronde, se lo chiamano “El loco”, non è certo per caso. Una pazzia puntare su di lui? No, se si hanno abbastanza giocatori offensivi in rosa…

VINCENZO MONTELLA – Mix di intelligenza tattica, bel gioco ed eleganza dentro e fuori dal campo. Probabilmente il miglior allenatore italiano in prospettiva, uno dei più intriganti al momento.

ROBERTO DONADONI – Dopo la catastrofica situazione vissuta al Parma, più per motivi societari che tecnici, l’ex ct azzurro ha voglia di tornare fra i top allenatori nel panorama italiano, e nulla vieta che possa riprendere ad esserlo già nella stagione attuale.

FRANCESCO GUIDOLIN – Il ruolo di dirigente? No, non è il suo. Lui è fatto per guidare la squadra da vicino, e l’impresa pluriennale portata a termine ad Udine non può che essere la testimonianza. Lui si è detto stanco del lavoro da allenatore, ma non ha mai annunciato il ritiro ufficiale; vero “mister”?

Allenatori: Spalletti sulla panchina dello Zenit

Allenatori: Spalletti sulla panchina dello Zenit

LUCIANO SPALLETTI – Nel clima gelido di San Pietroburgo ha vissuto una situazione fatta di alti e bassi; ora Luciano Spalletti vuole tornare nel calore mediterraneo dell’Italia e dei tifosi italiani, e di certo non dovrà cercare a lungo: solidità tattica, ottima qualità di calcio e diversa esperienza internazionale; c’è bisogno di altro?

WALTER MAZZARRI – Con il suo esonero dalla panchina nerazzurra è temporaneamente tornato il sorriso sulle facce dei tifosi interisti, stanchi di un allenatore poco spettacolare e spesso ridicolo nel giustificare i passi falsi fatti dalla sua squadra. Il tecnico toscano però, è attualmente la soluzione ideale per chi cerca solidità e pragmatismo, con meno gioco e più risultati.

CESARE PRANDELLI – Dopo la sfortunata parentesi del mondiale brasiliano, Prandelli non è stato in grado di imporre la sua filosofia di calcio sulla panchina del Galatasaray, finendo nel dimenticatoio degli allenatori. Dalla finale persa nell’Europeo ad essere senza panchina: la parabola discendente di Cesare Prandelli, pronto però a scriverne una nuova, che abbia percorso assolutamente opposto.

Allenatori: Di Matteo in conferenza stampa ai tempi del Chelsea

Allenatori: Di Matteo in conferenza stampa ai tempi del Chelsea

ROBERTO DI MATTEO – Storia simile, seppur più breve, l’ha vissuta Roberto di Matteo: dopo l’apoteosi raggiunta con la vittoria della Champions alla guida del Chelsea, il tecnico italiano è stato prima clamorosamente sollevato dall’incarico (guarda caso, proprio per far posto a Benitez) e poi si è dimesso nello scorso maggio dalla panchina dello Schalke 04. Premier League e Bundesliga, che sia arrivato il momento di debuttare in Serie A?

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *