Pietro Cartolano
No Comments

Mr. Bee-Berlusconi: come procede la trattativa?

Quella con Mr. Bee è una lunghissima trattativa che sembra destinata a compiere l'anno prima di concludersi, ma i risvolti sono sempre più intriganti.

Mr. Bee-Berlusconi: come procede la trattativa?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La storia con Mr. Bee all’inizio sembrava così semplice ed immediata da far pensare alla nascita di un nuovo progetto stellare alle porte di Milanello. Chi sperava in una trattativa lampo (stile Galliani il 31 Agosto) si sbagliava, soprattutto perché non ha tenuto conto del venditore: Silvio Berlusconi. Facciamo un esempio, quando siete costretti a cedere qualcosa che vi sta particolarmente a cuore, logicamente, non ve ne liberate all’improvviso. Innanzitutto vi accertate che chi sta per acquistare sia una persona ‘perbene’ e che possa fare un uso corretto e rispettoso dell’acquisto, poi chiedete il consenso di amici e familiari e infine, forse, vi decidete a cedere. Ecco, questo con molta probabilità è stato il cammino della trattativa Mr. Bee-Berlusconi. Solo che non stiamo parlando della vecchia PlayStation 2, ma di una società dal valore di 1 miliardo di euro.

Mr Bee, futuro acquirente del Milan.

Mr Bee, futuro acquirente del Milan.

La strana storia di Mr. Bee

Dopo aver battuto la concorrenza di Mr. Lee, di Mr. Pink e di altri colossi che pian piano si sono defilati nella trattativa con il Milan, Mr. Bee Taechaubol è rimasto l’unico possibile acquirente di una quota minoritaria della società di Via Aldo Rossi. In pochi mesi si è trovato l’accordo: 480 milioni di euro da aggiungere all’ingresso nella borsa di Hong Kong, in cambio del 48% delle azioni societarie. In più occasioni si è presentata la possibilità di chiudere la trattativa, ma si è sempre rimandato per vari motivi (principalmente burocratici). E pensare che ci fu un momento in cui il Mr. Bee Milanese (stiamo parlando di Berlusconi, naturalmente) pensò di tirarsi indietro e di liquidare il Mr. Bee Thailandese, la scusa era quella di non voler cedere al primo personaggio in cerca di notorietà. Acquisita la fiducia del cavaliere, il ‘Taikun’ (grande signore in cinese) ha subito fatto firmare un accordo nel quale le due parti si impegneranno a concludere la trattativa, nel caso contrario la parte lesa dovrebbe essere risarcita di 25 milioni di Euro. Questo a conferma che entrambe le parti voglio portare a termine questa interminabile trattativa.

ULTIME VICENDE

Dopo l’arresto per riciclaggio del Dottor Andrea Baroni, fiscalista incluso nell’inchiesta riguardante i diritti TV, è arrivata una soffiata negativa (non ufficiale) dalle parti milanesi che, però, sono state rassicurate da Mr. Bee sulla totale esclusione di Baroni dalla trattativa per l’acquisizione del Milan. Si pensava che il Thailandese avesse legami lavorativi con la società svizzera Tax&Finance, di cui Baroni era socio. La smentita, per ora, rassicura l’ambiente. Il prossimo incontro, stranamente, è stato fissato ad Hong Kong. Il Milan vuole già respirare l’aria della borsa locale?

Tutti questi indugi ci fanno pensare al pensiero filosofico di Leopardi: ”il piacere sta nell’attesa”. Naturalmente, però, i tifosi rossoneri si aspettano di provare piacere anche, e soprattutto, dopo l’arrivo di Mr. Bee!

@PietroCartolano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *