Matteo Masum
No Comments

Perché Iago Falque è più forte di Gervinho

Tecnica individuale, duttilità e sacrificio. Tre motivi per i quali lo spagnolo è più forte dell'ivoriano

Perché Iago Falque è più forte di Gervinho
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’abbondanza nel reparto offensivo è uno dei punti di forza di questa Roma, che ogni volta ha la possibilità di presentarsi con un tridente diverso dalla giornata precedente e altrettanto minaccioso. Tra i dualismi con cui Garcia deve convivere, il più avvincente è quello tra Iago Falque e Gervinho. Due giocatori differenti per caratteristiche, due armi micidiali per le difese avversarie. In questo articolo proviamo ad analizzare i motivi per i quali lo spagnolo ci sembra superiore all’ivoriano.

TECNICA – Gervinho è un giocatore che fa della velocità la qualità principale. Quando parte per le difese avversarie è quasi impossibile arginarlo. Il grande limite dell’ex Arsenal tuttavia è rappresentato da una tecnica di base non eccelsa. Iago Falque al contrario, pur avendo comunque una discreta rapidità nello stretto, è dotato di tecnica sopraffina, che gli consente di saltare l’uomo nello stretto, di effettuare cross perfetti e di risultare estremamente pericoloso in area di rigore, come dimostrano i 13 gol messi a segno lo scorso anno.

FASE DIFENSIVA – Nelle partite in cui c’è da soffrire, difficile preferire Gervinho a Iago Falque. Lo spagnolo, oltre a portare un contributo importante nella fase offensiva, garantisce un apporto indispensabile quando c’è da difendere. Spesso, in un momento difficile del match, Garcia chiede all’ivoriano di rimanere alto, per sfruttare la sua velocità. In questo modo di fatto egli risulta poco utile nella fase di recupero del pallone. Iago invece anche in questo fondamentale è eccezionale.

DUTTILITA’ – Infine con l’ex Genoa Garcia può sbizzarrirsi nella scelta del modulo. Gervinho è utilizzabile o da esterno o, al massimo, da seconda punta, dove comunque rischia di scontare i suoi limiti sotto porta. Iago Falque invece può essere impiegato senza alcun problema sia come ala in un 4-3-3, sia come trequartista in un 4-2-3-1, sia da esterno in un 4-4-2. Insomma, con un giocatore del genere, sorprendere l’avversario di turno è piuttosto facile.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *