Gianluca Nucci
No Comments

Calcio e tennis, i 5 paragoni tra 5 top player

Con un pizzico di fantasia ed immaginazione, proviamo ad abbinare i campioni del calcio a quelli del tennis, con 5 curiosi paragoni

Calcio e tennis, i 5 paragoni tra 5 top player
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Calcio e tennis: 2 degli sport più diffusi in Italia e più amati dal popolo italiano. Eppure, senza fare troppi sforzi, si troverebbero migliaia di differenze tra 2 discipline sportive che in comune hanno davvero poco. Ciò che però li unisce e unisce il popolo italiano davanti alla tv sono le infinite emozioni che riescono a regalare a tutti gli spettatori, con l’elevata imprevidibilità e la bellezza dei colpi visti nel rettangolo di gioco, sia esso composto da reti da gonfiare o da una da evitare. Così, sbizzarrendoci un po’ e viaggiando non troppo con la fantasia, abbiamo individuato 5 top player del circuito tennistico e 5 dei miglior calciatori al mondo abbinandoli in inconsueti binomi, che però trovano un legame comune per caratteristiche tecniche, personalità o altri particolari affinità.

DJOKOVIC / CRISTIANO RONALDO – Attualmente non potevamo non partire dal numero 1 del ranking ATP e dal Pallone d’Oro in carica, Novak Djokovic e Cristiano Ronaldo. Il riconoscimento di essere i migliori giocatori in circolazione non è però l’unico motivo per metterli sullo stesso livello, ma anzi ne esistono di diversi: innanzitutto le caratteristiche fisiche e tecniche di entrambi, poiché sia Nole che CR7 rappresentano probabilmente la perfezione nel loro rispettivo sport.  Straordinaria versatilità e grande completezza ne fanno giocatori praticamente senza difetti. Inoltre, nonostante gli infiniti successi raggiunti in carriera, entrambi continuano a dare il massimo in ogni singolo minuto d’allenamento per continuare ad essere i migliori, se non addirittura battere se stessi. Se non sono la perfezione in ambito tennistico e calcistico, sono sicuramente i più vicini ad esserlo.

Andrea Pirlo sarà il grande assente di Borussia Dortmund-Juventus.

Andrea Pirlo esulta dopo il gol al Torino nello scorso derby

FEDERER / PIRLO – Classe, giocate spettacolari e al contempo straordinaria concretezza: troppe affinità tra Pirlo e Federer, i due highlander del calcio e del tennis, che continuano a regalare prelibatezze anche con l’età che avanza. Il talento è lo stesso, forse unico nei loro circuiti, e a tutto ciò abbinano grande solidità e numerose vittorie che permetterà loro di rimanere impressi nella storia dei rispettivi sport. Gli anni aumentano, ma la classe non svanisce: 2 campioni assoluti da far ammirare ai prossimi tennisti o calciatori.

NADAL/ROBBEN – Magari potrebbe sembrare un paragone riduttivo per tutti i sostenitori di Rafa, ma Arjen Robben, quando in forma, è uno dei migliori calciatori al mondo. Accomunati da un sinistro pregevole (l’uno il piede, l’altro la mano, il polso o chicchessia), entrambi sono attualmente lontani dai fasti di un tempo, quando dominavano ogni avversario gli capitasse davanti, a suon di dribbling o di spin letali. Entrambi soffrono di condizioni fisiche precarie, che non permette loro di esprimere al massimo tutte le enormi potenzialità di cui sono dotati. Sulla carta tra i migliori giocatori nel rispettivo sport, ma devono ritrovarsi fisicamente e psicologicamente.

Andy Murray

Andy Murray in uno dei suoi tanti urli utili a darsi la carica

MURRAY / ROONEY – Coppia tutta british, presenta diverse affinità che appaia l’un l’altro in un paragone di tutto rispetto. Esplosi in età precoce, entrambi hanno il peso di dover portare in alto il nome del Regno Unito nei rispettivi sport, uno capitano della nazionale e l’altro probabilmente unico tennista di livello originario d’oltremanica. Forza fisica impressionante, resistenza invidiabile e straordinaria cattiveria agonistica, che permette loro di non arrendersi mai sino alla fine, risanando situazioni che sembravano ormai compromesse. Stile puramente british.

FOGNINI / BALOTELLI – L’ultimo paragone ce lo teniamo tutto per i colori azzurri, abbinando potenzialmente i 2 migliori giocatori del tricolore. Talento infinito, da far invidia a quasi tutti i loro colleghi, ma carattere difficile da gestire e applicazione psico/fisica praticamente contraria ai primi 2 nomi fatti. In campo appaiono svogliati e fuori luogo, come ad esser capitati lì per caso. Eppure potrebbero vincere quasi tutte le partite, se solo lo volessero… Genio e sregolatezza, tutta italiana.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *