Roberto Cusimano
No Comments

Da 0 a 10, il pagellone bastardo della domenica calcistica

Voti alti per Napoli e Fiorentina, protagoniste della domenica di A. All’estero è sempre il solito Bayern Monaco

Da 0 a 10, il pagellone bastardo della domenica calcistica
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E’ stata una domenica ricca di eventi calcistici di rilievo sia in Serie A che nei principali campionati esteri. Abbiamo assistito a bellissime partite, alcune molto equilibrate, altre caratterizzate da vittorie schiaccianti. L’esempio più lampante riguarda il posticipo di ieri sera tra Milan e Napoli, gara che i partenopei hanno vinto per 4-0. Merita un volto alto la nuova capolista del campionato, la Fiorentina di Paulo Sousa, delude invece il Sassuolo che ad Empoli ha perso l’imbattibilità. Sorprese anche in terra straniera.

Voto 0 MILAN – Una prestazione da dimenticare per la squadra di Mihajlovich che ha rimediato una brutta figuraccia davanti al proprio pubblico. Non è praticamente mai entrato in partita ed è crollato sotto i colpi di un implacabile Napoli, perfetto sotto ogni punto di vista. L’immagine dei tifosi che dopo la quarta rete subita abbandonavano lo stadio la dice lunga sulla pessima serata dei rossoneri.

Voto 1 SASSUOLO – Prima o poi doveva succedere. I neroverdi si sono presentati ad Empoli forti di quello zero presente nella casella delle sconfitte e speravano di mantenerlo ma hanno completamente sbagliato l’approccio alla gara, hanno perso ogni contrasto e non si sono quasi mai resi pericolosi dalle parti di Skorupski. Sembrava una squadra lontana parente da quella apprezzata finora. Testa bassa e pedalare, la salvezza rimane il primo obiettivo.

Voto 2 CORREA – Ci ricorderemo a lungo di cosa ha combinato ieri pomeriggio il giocatore blucerchiato. Purtroppo per lui non è una bella cosa poiché, se da un lato ha disputato una buona partita, nel primo tempo sul risultato di 0-0 ha sbagliato un gol a porta vuota clamoroso. Sia i tifosi che i compagni di squadra avevano già le braccia al cielo per esultare ma l’argentino è stato capace di calciare la sfera fuori.

Voto 3 UDINESE – Non ce ne vogliano i tifosi friulani, contenti per aver ottenuto il primo punto in casa, ma ieri pomeriggio l’Udinese meritava la sconfitta. Il Genoa ha giocato meglio, ha avuto più possesso palla e creato più palle gol eppure è andato sotto nel punteggio salvo poi rimontare con un rigore di Perotti. All’Udinese stava riuscendo la stessa cosa già vista alla prima giornata quando sbancarono lo “Stadium” 1-0 effettuando un solo tiro. Se si vogliono salvare devono cambiare registro.

Voto 4 MAN UTD & DORTMUND – Ieri si sono giocate due sfide ad alta quota in Premier e Bundesliga: Arsenal-United e Bayern-Dortmund. Red Devils e gialloneri hanno perso in modo netto e se vogliamo ingiustificato poiché ci si aspettava di assistere a due gare molto più combattute. I gunners hanno infatti rifilato tre reti alla squadra di Van Gaal mentre i bavaresi addirittura cinque.

Voto 5 ROMA Ha vinto 4-2 al “Barbera” di Palermo, trasferta tradizionalmente ostica per i giallorossi tuttavia non si può dire che la squadra abbia convinto pienamente. Dopo un bel primo tempo, giocato ad alti ritmi e chiuso sullo 0-3, nel secondo tempo la squadra ha subito il ritorno dei rosanero che si erano portati addirittura sul 2-3. Guardando la classifica i tifosi possono sorridere però la Roma ha bisogno di essere messa alla prova contro squadre più toste, lì si potrà vedere a cosa può puntare.

Voto 6 LAZIO In casa i biancocelesti non perdono un colpo. Ieri hanno sofferto contro il Frosinone, la vittoria è arrivata solo negli ultimi minuti ma la squadra con il passare del tempo sta riacquistando l’autostima che dopo Leverkusen le è mancata. Adesso deve cercare la stessa continuità in trasferta.

Voto 7 MORATA Non può che essere alto il voto per lo spagnolo, protagonista indiscusso con un gol e un assist della vittoria dei bianconeri sul Bologna. In coppia con Dybala ha fatto impazzire la difesa rossoblu in più di un’occasione. Peccato per gli altri due gol sbagliati.

Voto 8 LEWANDOWSKI,SANCHEZ,IBRAHIMOVICH – Un triplete di bomber internazionali merita un bell’otto in pagella per essere stati ancora una volta grandi protagonisti nei match disputati con le loro squadre. Il polacco è stato protagonista nel 5-1 con cui il Bayern ha liquidato il Dortmund, il cileno si è messo in evidenza nella sfida dell’ “Emirates” contro il Manchester United mentre Ibra ha risolto il big match contro il Marsiglia trasformando da vero cecchino due calci di rigore nel giro di cinque minuti.

Voto 9 FIORENTINA – La Viola, approfittando del pari dell’Inter, è sola in testa. Ieri sera la partita poteva nascondere delle insidie ma dopo cinque minuti il rigore di Ilicic (con conseguente espulsione di Paletta) ha indirizzato la gara sui binari giusti e tutto è andato per il meglio fino al 90’. Non succedeva di vederla così in alto dai tempi del Trap, è un primato meritato perché la squadra gioca bene e diverte. Merito di Paulo Sousa.

Voto 10 INSIGNE – Per un Milan che piange c’è un Napoli che se la ride. Il poker rifilato a domicilio ha confermato le buone cose fatte vedere nelle ultime settimane dai campani che dopo la vittoria contro la Juve si sono affermati anche contro un’altra big. Il 10 in pagella questa settimana lo merita pienamente Lorenzo Insigne, autore di due reti e un assist ieri sera oltre che di una prestazione maiuscola. Lo scugnizzo napoletano sta dimostrando nelle ultime settimane di essere in formissima tanto da meritarsi la chiamata da parte del ct Antonio Conte.

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *