Cristy Marinari
No Comments

Quando parte l’embolo: calciatori, allenatori e risse da bar

I calciatori non sono bravi solo con i piedi, ma a quanto pare molti di loro sono bravi anche con le mani

Quando parte l’embolo: calciatori, allenatori e risse da bar
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I calciatori non sono bravi solo con i piedi, ma a quanto pare molti di loro sono bravi anche con le mani. Se poi ci si mettono anche i tecnici, diventa un gran calderone di pugni, prese per il collo e calci non diretti al pallone. Quando parte l’embolo e non c’è niente da fare.

SUPERMARIO SEMPRE IN POLE – Sembrava doveroso aprire la top risse con Mario Balotelli! Balo-City e quell’ultima goccia che fece traboccare il vaso. L’allenamento non piace proprio a SuperMario e ne combina di tutti i colori. Gli inglesi archiviarono il capitolo botte a Jerome Boateng, ma il passo falso con Roberto Mancini non fu tollerato, anche perché fu una rissa degna dei peggiori bar di Caracas. Ai tempi dell’Inter arrivò quasi alle mani con Josè Mourinho. Insomma Mario Balotelli davvero ancora si chiede: Why always me?

Quando parte l'embolo e le risse sono a portata di mano.Simeone irrequieto e non provate a contraddirlo!

Quando parte l’embolo e le risse sono a portata di mano.Simeone irrequieto e non provate a contraddirlo!

CHOLO LOCO – La finale di Champions League tra Real Madrid e Atletico Madrid ha avuto il veleno nella coda: al triplice fischio dell’arbitro, si è sfiorata la rissa tra il tecnico dei colchoneros Diego Pablo Simeone ed il difensore del Real Madrid Raphael Varane. Lo sprovveduto Raphael pare abbia tirato una pallonata contro la panchina di Simeone. E meno male non era un bomber cecchino, vi immaginate colpire in faccia Simeone? Ahi, ahi, El Cholo già non aveva preso bene l’asfaltata ed è entrato in campo, scagliandosi contro il ventunenne. Bisogna saper perdere!

NON SVEGLIARE SINISA CHE DORME – Un derby della lanterna troppo acceso: Vasco Regini, a gara oramai conclusa, commette un fallo sulla trequarti, regalando una punizione ai grifoni che potevano portarsi a casa il match. Traversa e parata di Viviano hanno salvato la vita al terzino blucerchiato. Ma il buon Sinisa Mihajlovic non l’ ha presa bene, no, proprio per niente e Regini lo sa: si è visto prendere per il collo dal proprio allenatore! Dio perdona, Sinisa un po’ meno.

BAYERN ABBIAMO UN PROBLEMA – Tutto avvenne al termine di una semifinale di Champions League contro il Real Madrid. Oggetto scatenante un calcio di punizione che Erjen Robben fece tirare a Tony Kroos e non a Franck Ribery. Il francese non la prese bene e negli spogliatoi assaltò la Bastiglia. Divisi a fatica dai compagni, se ne diedero di santa ragione e la prova fu il livido sulla faccia di Robben sfoggiato davanti le telecamere. La società sdrammatizzò dicendo di aver due giocatori di grande personalità. Eh, grande proprio.

GALEOTTO FU IL KARAOKE – Il bello lo abbiamo lasciato per ultimo e questa rissa veramente merita. Durante una vacanza in Portogallo, i due amiconi Craig Bellamy e John Arne Riise, non trovarono meglio da fare se non andare in un bar karaoke. La leggenda narra che il gallese mise sotto pressione il giardiniere di Norvegia, insistendo perché cantasse una canzone, quale questa fosse non ci è dato sapere, forse “Su di noi nemmeno una nuvola”. Al categorico rifiuto di John, Craig prese una mazza da golf e gli rifece la faccia! I due amiconi risolsero tutto in poco tempo, probabilmente con una gara di rutti e goliardicamente quando entrambi segnarono contro il Barcellona, il gallese festeggiò mimando il momento clou della rissa! Eh, chi trova un amico trova un tesoro, basta che non ci siano mazze da golf in giro!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *