Mattia Prina
No Comments

I 7 giocatori che non possono stare al Milan

Un'altra stagione che rischia di diventare di sofferenza per i tifosi rossoneri. Ecco i giocatori non all'altezza del Milan

I 7 giocatori che non possono stare al Milan
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo la batosta interna subita contro il Napoli per 4-0, i tifosi del Milan hanno iniziato a contestare la squadra con cori come “tirate fuori gli attributi, andate a lavorare!” e la dirigenza, in particolare l’AD della parte sportiva Adriano Galliani. Una consuetudine da ormai 2 anni a questa parte. Senza andare troppo indietro nel tempo, basta tornare al maggio 2012 e all’allontamento dei “Senatori” (Gattuso, Seedorf, Inzaghi, Nesta, Zambrotta e Van Bommel) e alle cessioni di Ibra e Thiago Silva al Paris Saint Germain. Ora, valutando la rosa attuale, in quanti giocherebbero titolari in quella squadra? Forse solo Jack Bonaventura e Diego Lopez. La verità è che questa rosa è satura di giocatori non all’altezza della storia del Milan e la colpa principale è di chi li ha portati ad indossare la maglia rossonera. Cerchiamo però do di individuare i giocatori inadeguati a giocare nel Milan. Eccone dunque sette da mettere dietro alla lavagna.

ZAPATA – Cristian Zapata, il peggiore del reparto arretrato. Dopo aver provocato l’espulsione di Romagnoli con il Genoa per un errato passaggio in orizzontale, non contento, anche ieri ha lasciato il segno, dando il là al vantaggio azzurro con un passaggio indirizzato a non si sa chi e intercettato dal centrocampo del Napoli. Da tenere in tribuna dalla prossima partita, cercando poi di venderlo a qualche squadra già a gennaio.

ELY – Per quanto riguarda il giovane Rodrigo Ely il motivo è diverso. Il 22enne centrale arriva dal prestito all’Avellino in Serie B e questa è la sua prima stagione nella Serie A. Mandarlo a farsi le ossa per 6/12 mesi in squadre di medio-bassa classifica sarebbe la soluzione ideale. Rimandato.

DE SCIGLIO – Sembrava destinato a diventare il nuovo Maldini, bandiera del Milan e della Nazionale, ma a causa di numerosi infortuni Mattia De Sciglio non è ancora riuscito a fare il salto di qualità definitivo. L’età è dalla sua parte, un prestito come Ely potrebbe giovargli.

Bertolacci al Milan, esempio di giocatore strapagato in serie A

Bertolacci, costato 20 milioni.

BERTOLACCI – Mister 20 milioni chi l’ha visto finora? Costato molto più del suo reale valore, non ha ancora dimostrato nulla per meritare di giocare nel Milan. Prestazioni assolutamente anonime. Forse questi soldi andavano investiti meglio. Basti pensare che il Napoli con 12 milioni ha preso Allan, che da solo tiene in piedi il centrocampo partenopeo……

MONTOLIVO – Il capitano del Milan dopo il grave infortunio alla vigilia dei Mondiali non è più tornato quello di un tempo. Lento nella manovra, sbaglia inoltre troppi passaggi. Contratto che scade a giugno 2016: avventura in rossonero che sta per giungere al capolinea?

CERCI – Alessio Cerci è stato acquistato a gennaio in prestito di 18 mesi dall’Atletico Madrid, con Fernando Torres a fare il percorso inverso. Si sperava che, dopo il flop di Madrid, potesse tornare agli standard di Torino, ma anche qui è stato un totale buco nell’acqua. Ridotto a riscaldare la panchina o a giocare gli ultimi 10 minuti, sicuramente a giugno tornerà all’Atletico. Potrebbe lasciare il Milan anche il prossimo gennaio se qualche club lo volesse. In società è probabile che nessuno farà le barricate per trattenerlo.

HONDA – Il “samurai” Keisuke Honda, simbolo e leader della Nazionale giapponese. Arrivato a gennaio 2014 a parametro zero dal CSKA Mosca, si è fatto notare per la sua incredibile lentezza di gioco che gli causa svariati fischi dal pubblico milanista ogni volta che calca l’erba di San Siro. Nonostante i piedi buoni non è adatto al calcio italiano, fatto di pressing, difesa e tanta corsa. L’Eredivisie o la Bundesliga, per il suo modo di giocare, sono campionati più adeguati. Verrà ricordato solamente per essere stato un colpo di marketing nel continente asiatico, che ha fruttato alle casse rossonere circa 10 milioni all’anno.

Mattia Prina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *