Gianluca Nucci
No Comments

I 5 motivi per cui Buffon non ha mai vinto il pallone d’oro

Dopo la scandalosa esclusione dai 59 candidati al prossimo Pallone d'Oro, proviamo a capire perché Buffon non ha mai potuto vincerlo.

I 5 motivi per cui Buffon non ha mai vinto il pallone d’oro
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Veniamo da una settimana nella quale è stata stilata la lista dei 59 candidati per la vittoria del prossimo Pallone d’Oro FIFA, che come ogni anno verrà assegnato nei primi giorni di gennaio.

Tra i papabili 59, come tutti sapete, non figura la presenza di Gianluigi Buffon, nonostante la straordinaria stagione a livello personale e di squadra disputata nello scorso anno. Molto probabilmente, oserei dire con certezza, il portierone azzurro non avrebbe comunque vinto il premio quest’anno, ma la sua assenza dalla lista dei 59 ha suscitato parecchio scalpore tra gli addetti ai lavori, classificando questo gesto come una scelta inspiegabile. Buffon però, mostrando la solita inestimabile classe anche fuori dal campo, non ha mai riportato una parola fuori posto, eccetto quel pizzico di ironia con il quale si è considerato almeno tra i 5 miglior portieri al mondo. Così, sfumata probabilmente l’ultima possibilità per l’estremo difensore bianconero di vincere il premio originario di France Football, proviamo a capire i 5 motivi per cui Buffon non è mai entrato nell’albo d’oro dei miglior giocatori al mondo.

ERA MESSI/CR7 – Se è vero che Buffon è il miglior portiere di tutti i tempi, sarebbe uno scempio non assegnare il Pallone d’oro al più forte rappresentante nel suo ruolo. Eppure, tutto ciò non basta, se davanti hai 2 dei giocatori migliori nella storia del calcio: Messi e Cristiano Ronaldo. Probabilmente, senza loro due, Buffon non avrebbe vinto comunque il premio, ma se negli ultimi 7 anni è stata un’epopea Messi-CR7, un motivo ci sarà…

RUOLO LONTANO DAI RIFLETTORI – E’ stato, è, e sarà sempre così: il portiere è il ruolo meno meritocratico che possa esistere sul rettangolo di gioco. Non importa quanti gol abbia salvato o quanti pericoli abbia sventato, sotto le luci dei riflettori ci saranno (quasi) sempre le reti messe a segno dagli attaccanti o, per l’occhio più attento, l’assist geniale del centrocampista. Di conseguenza, in un concorso nel quale votano i commissari tecnici e i capitani di tutte le nazioni al mondo, anche le più sperdute in qualche angolo della Terra, non possono che prevalere coloro che si fanno conoscere con i numeri, e di numeri, i portieri, ne scrivono ben pochi.

MANCATA VITTORIA CHAMPIONS – Forse unico rammarico nella carriera del portierone bianconero, la mancata vittoria della Champions League è un’attenuante secondo alcuni che gli ha impedito di vincere il pallone d’oro. Chissà, magari con la vittoria della scorsa edizione, Buffon non solo sarebbe figurato tra i 59, ma forse avrebbe avuto anche qualche piccola possibilità di vincere l’edizione attuale…

Gigi Buffon nella sua strepitosa parata sul colpo di testa di Zidane nella finale del 2006

Buffon in azione sulla strepitosa parata nella finale Mondiale

AMICO/NEMICO – L’unica, vera occasione nella quale Buffon ha avuto la concreta possibilità di essere eletto miglior giocatore al mondo è stato nel 2006, quando da assoluto protagonista ha vinto prima un campionato (poi revocato) ma soprattutto il Mondiale con la nazionale azzurra. Eppure, proprio un suo compagno di squadra, che tante volte gli ha evitato di dover fare gli straordinari in campo, gli lasciò soltanto il secondo gradino del podio per una manciata di voti: Fabio Cannavaro.

BASSO PROTAGONISMO FUORI DAL CAMPO – Infine, se proprio vogliamo trovare un altro motivo che gli ha impedito di vincere il Pallone d’oro, è lo scarso protagonismo che Buffon ha sempre avuto fuori dal campo. Sia chiaro: non è assolutamente una colpa, ma anzi un fattore che gli fa onore; però quello charme in più agli occhi meno abituati a guardare il campo, gli avrebbe conferito maggior considerazione in ottica voti.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *