Mattia Prina
No Comments

I 5 motivi della rivalità tra Hellas e Chievo nel derby di Verona

Questa sera allo Stadio Bentegodi il Derby di Verona. Tutti gli aneddoti su questa particolare partita

I 5 motivi della rivalità tra Hellas e Chievo nel derby di Verona
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Questa sera alle ore 20:45 andrà in scena allo Stadio Bentegodi il “Derby dell’Arena” tra Chievo ed Hellas Verona. Un Derby di tradizione recente: la prima sfida risale al dicembre 1994 in Serie B (1-1), mentre per la Serie A si è dovuto attendere il novembre 2001. Vittoria in quell’occasione dell’Hellas di Malesani per 3-2. I clivensi, neopromossi nella massima serie, passarono in vantaggio 2-0 con le reti di Eriberto e Corini. Nel secondo tempo rimonta dei “Butei” grazie al rigore di Oddo, l’autorete di Lanna e Camoranesi. Quella di stasera sarà il confronto numero 15: il bilancio finora recita 6 vittorie Chievo, 3 pareggi e 5 successi Hellas. Vediamo i motivi della rivalità tra le due realtà di Verona.

DAVIDE VS GOLIA – Il “Davide” Chievo, piccolo quartiere di Verona, contro il “Golia” Hellas, squadra principe di Verona e campione d’Italia nel 1985, ricca di storia e di grande tifo. Il Chievo però col passare degli anni in Serie A ha acquisito un numero maggiore di tifosi e un certo prestigio, mentre invece l’Hellas iniziò nel 2002 una inesorabile discesa culminata con la retrocessione quell’anno in Serie B e nel 2007 in C1 dopo lo spareggio con lo Spezia, per poi tornare ai livelli che le competono nel 2013.

ALL’OPPOSTO – Come scritto sopra negli anni che vanno dal 2002 al 2013, con l’Hellas ridotto a seconda squadra di Verona, toccava al Chievo rappresentare la città di veneta in Italia e anche in Europa (da ricordare il preliminare di Champions perso contro il Levski Sofia nella stagione 2006-2007), e questo ai tifosi dell’Hellas non andava giù.

DERBY ANOMALO – Un Derby classico è contraddistinto da storia, tradizioni, cori e sfottò tra le due tifoserie. Quello di Verona oltre ad essere “giovane” ha una caratteristica anomala. Fino alla retrocessione del 2002 i tifosi dell’Hellas vedevano il Chievo con simpatia, come una squadra di Verona che non avrebbe mai raggiunto i livelli dell’Hellas.

Alberto Malesani

Alberto Malesani, allenatore di Chievo ed Hellas, sulla panchina degli Scaligeri vinse il primo Derby in Serie A

STESSO OBIETTIVO: nonostante l’eccellente avvio del Clivensi, che ai nostalgici ha ricordato quello del primo Chievo dei miracoli, che fa da contraltare a quello balbettante dell’Hellas, l’obiettivo di entrambe le società è lo stesso, la salvezza. Per raggiungerlo dunque è importante vincere anche i due Derby in stagione.

STESSI COLORI: fino al 1956 i colori sociali del Chievo erano il bianco e il blu per diventare poi il giallo e il blu, gli stessi colori dell’Hellas. Grosse polemiche ha suscitato l’utilizzo del simbolo della Scala degli Scaligeri sulle maglie del Chievo, classico simbolo utilizzato dai tifosi “Butei”.

Mattia Prina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *