Davide Luciani
No Comments

I 5 motivi per cui Allegri rischia l’esonero

Dalla perdita di potere alla confusione si moduli, ecco i cinque motivi per cui Allegri potrebbe venire esonerato

I 5 motivi per cui Allegri rischia l’esonero
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Allegri si gioca contro il Siviglia una buona fetta della sua panchina. Il tecnico livornese è partito malissimo in campionato (5 punti in sei gare) e la sua posizione è diventata traballante. Di fatto, il mese di ottobre sarà decisivo per il futuro del tecnico. Intendiamoci, non vi è alcun rischio nel’immediato di un esonero da parte del club bianconero, ma, potrebbero verificarsi alcuni fattori capaci di portare a decisioni drastiche. Ecco i cinque motivi che potrebbero causare il ribaltone.

1) PEGGIORAMENTO DELLA CLASSIFICA – Sembra impossibile, vista la già pessima situazione, ma, visto che al peggio non c’è mai fine, potrebbe anche succedere l’irreparabile e ritrovarsi a novembre, in una situazione uguale o peggiore di quella attuale, con due mesi e mezzo di stagione disputati,  sarebbe necessario prendere provvedimenti. Ovvio che anche la Champions, da questo punto di vista sarà determinante. Se i bianconeri non ottenessero punti contro Siviglia e Borussia, la posizione del tecnico sarebbe a rischio.

Allegri Juventus-Monaco.

Massimiliano Allegri

2) FORMAZIONE E MODULO BALLERINI La dirigenza pretende da Allegri che faccia delle scelte precise. Basta cambi di modulo e tourbilliòn di giocatori. La squadra deve avere una sua identità. Il tecnico deve puntare sui giocatori che gli danno maggiormente affidamento e metterli in campo con il modulo più adatto alle loro caratteristiche. Se non sarà così,

3) GIOVANI IN PANCA – Questa estate sono state fatte scelte precise in sede di mercato, puntando su molti giovani. La dirigenza si aspetta, quindi, che giocatori come Lemina, Rugani, Dybala e Zaza vengano valorizzati. Se così non fosse, significherebbe sbugiardare il mercato e questo non è concepibile.

4) PERDITA DI POTERE – Allegri sembra avere ancora in mano lo spogliatoio, ma, si sa, i risultati sono fondamentali per mantenere un certo ascendente. Già qualche big ha manifestato perplessità per il modo in cui sono state gestite alcune situazioni. Se lecose dovessero peggiorare poterebbero essere gli stessi big a chiedere la testa del tecnico.

5) NON CONDIVISIONE DEL PROGETTO – Potrebbe anche verificarsi una situazione di frattura tra Allegri e la dirigenza. Se il tecnico non desse l’impressione di essere convinto del progetto messo in atto in estate, allora l’esonero sarebbe inevitabile. Allegri ha avuto tutti i giocatori che voleva da questo mercato, ma, in alcune circostanze, è sembrato spaesato e confuso e, alcune battutine non sono passate inosservate. Se l’insofferenza crescesse con il peggioramento della classifica, le strade dell’allenatore e del club juventino si dividerebbero.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *