Sanda Urda
No Comments

MotoGP Aragon, Lorenzo prende il martello

Jorge un abisso da quasi sette decimi dal compagno Rossi, secondo nella combinata delle prime due sessioni di prove libere

MotoGP Aragon, Lorenzo prende il martello
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’azione in pista della classe regina, MotoGP, in vista del Gran Premio Movistar de Aragon, è iniziata oggi alle 09:55 del freddo mattino con la prima sessione di prove libere, FP1, ed è finita nel pomeriggio, alle 14:50, dopo la FP2 con 38°C sul tracciato. Come in in ogni pista, il venerdì non c’è grip, e quindi per chi non ha una buona base da quale partire qui, la missione è più complicata. Anche se tutti hanno migliorato il proprio crono nella seconda parte della giornata, raccontiamo la combinata.

MotogP foto: Alessandro Giberti

MotoGP Lorenzo domina le FP! e2 ad Aragon

RACCONTO DELLA COMBINATA DI CRONOJorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) inizia mettendo paura a tutti con il Giro veloce della giornata, il suo giro perfetto (identico al suo ideal time) in 1’47.517, segnato a fine della seconda sessione. Il maiorchino, unico ad abbattere il muro del 1’48, e leader anche nel mattino, ha dato il meglio sul giro secco con la gomma media al posteriore, ma è alla ricerca del miglior passo. Con il secondo crono della giornata, segnato sempre alla fine, c’è Valentino Rossi (+0.683) con la seconda YZR M1 ufficiale, quale migliora in classifica rispetto al mattino (terzo a +0.575 dal teammate) usando la stessa combinazione di gomme del compagno Jorge. A schiaffeggiare chi la sosteneva che Aragon fosse una pista Honda, ci pensa Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3), quale chiude la prima fila virtuale con il suo 1’48.318, precedendo le due Repsol di quarto Dani Pedrosa (+0.841) segnato dopo il cambio del set freni, e solo quinto Marc Marquez (+0.884), entrambi hanno usato esclusivamente pneumatico duro, e il campione in carica, non ha messo la nuova per l’ultimo time attac. Seguono i fratelli Espargarò, con Pol (+0.928) in sella alla Yamaha Tech3, davanti al maggiore Aleix (+1.007) e la Suzuki Ecstar che precede l’esercito #Ducati. La casa di Borgo Panigale, ha portato qui un elettronica rinnovata dal collaudatore e wild card a Misano, Michele Pirro, e cambia anche le ali che tornano più piccole. Guida il gruppo Andrea Dovizioso con Iannone vicinissimo, seguiti dalle GP14.2 del OCTO Pramac Racing di Danilo Petrucci decimo e Yonny Hernandez (+1.438) in undicesima posizione.

La top classe torna in pista domani mattina a partire dalle 09:55 con la terza sessione di prove libere.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *