Gianpiero Farina
No Comments

Lazio, se vuoi puoi

I biancocelesti battono 2-0 il Genoa

Lazio, se vuoi puoi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

”Non sempre volere e potere”: questa è una delle frasi più importanti dette da Pioli nella solita conferenza stampa della vigilia. Eppure la sua Lazio ha dimostrato che, invece, è proprio così. I biancocelesti battono 2-0 il Genoa con una prova magari non spettacolare, ma fatta di determinazione, carattere, rabbia, fame e voglia, proprio tutto ciò che era mancato nella disfatta di Napoli. Rotto anche il tabù dei rossoblù, visto che i capitolini, negli ultimi otto confronti con il Grifone, erano sempre usciti sconfitti.

GIOVANI ALLA RIBALTA – Milinkovic, Kishna e Felipe Anderson: sono loro i grandi protagonisti della notte dell’Olimpico. Il serbo si prende in mano il centrocampo con maturità e personalità, l’olandese fa impazzire la difesa del Genoa con la sua velocità e mostra un piede fatato sui calci piazzati, il brasiliano accende la luce con le sue discese e con un tiro a giro che si insacca all’incrocio, chiudendo il match e spegnendo le polemiche. Giovani alla ribalta, insomma, in questa Lazio. Importante anche il ritorno, sia in campo che al gol, di Filip Djordjevic, che ha sbloccato il risultato con un colpo di testa letale e perfetto. Pioli può quindi tirare più di un sospiro di sollievo.

VERONA PER LA CONFERMA – Il ritiro e il confronto durato ben 7 ore in quel di Formello pare quindi essere servito e aver dato quantomeno una scossa. D’altronde era davvero difficile fare peggio di quanto fatto contro il Napoli. Anche se il gioco e la manovra non sono apparsi estremamente brillanti, l’atteggiamento è parso comunque quello giusto. La trasferta di Verona di domenica pomeriggio confermerà se la Lazio si è ritrovata e potrà finalmente ripartire per dire la sua anche in questo campionato. In fondo l’importante è capire e mettersi in testa una cosa. Quale? Volere è, soprattutto nel calcio, quasi sempre potere. Capito Pioli?

Gianpiero Farina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *