Luigi Fontana
No Comments

I 5 motivi per blindare Morata

Morata è un calciatore fondamentale per la Juventus: ecco perché bisogna blindarlo

I 5 motivi per blindare Morata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Le parole di Florentino Perez hanno scosso un po’ l’ambiente bianconero. Niente di nuovo, naturalmente, perché tutti sapevamo della clausola di riacquisto che era stata prefissata sul contratto del canterano, ma da qui a dichiarazioni pubbliche ne passa di acqua sotto i ponti. La Juventus, con Morata, l’anno scorso fece un acquisto oculato: un centravanti capace di muoversi e svariare sul fronte offensivo, a differenza di Llorente, molto più statico. Non per niente, lo spagnolo martedì ha sfoderato una prestazione di grande sacrificio, giocando sulla fascia in un 4-3-3  che è stato molto dispendioso. Può la Juventus liberarsi di lui, oltretutto una stagione dopo aver perso Tevez? La risposta è ovvia: no. Vediamo i 5 motivi per cui i bianconeri devono assolutamente blindare Morata.

SACRIFICIO – L’abbiamo detto sopra: Morata è un grandissimo centravanti, ma una delle doti più importanti del suo arsenale è il sacrificio. Sempre a disposizione del mister, sempre capace di fare la doppia fase e di correre anche per i compagni. Abbiamo visto che è già difficile rimpiazzare la corsa per 3 calciatori di Tevez, perdere anche Alvaro sarebbe complicatissimo.

DUTTILITÀ – È facile trovare un attaccante che possa giocare sia centravanti che esterno nel 4-3-3 senza perdere tanto nelle sue doti? No, assolutamente. Alvaro regala alla sua squadra una duttilità quasi unica, che gli permette di dimostrare il suo potenziale al 100% in svariate posizioni del campo. Quasi impossibile sostituire questa caratteristica.

GOL IMPORTANTI – Quante volte abbiamo visto un calciatore importante che riesce a segnare anche 15-20 gol all’anno, ma poi nelle partite che contano è un anonimo? Morata è il contrario: l’anno scorso ha segnato 14 gol stagionali, un po’ pochini ma c’è da tenere conto dell’infortunio e del difficile inserimento. Ebbene, ha segnato negli ottavi di Champions, partite di andata e ritorno, nella semifinale di andata e ritorno e anche in finale. Poco male, eh?

AMORE PER LA SQUADRA – In quest’anno, Alavaro ha dimostrato un amore per la Juventus che poche volte si è visto. È vero che tutti i calciatori che arrivano nei bianconeri trovano un gruppo molto solido e compatto e quando se ne vanno si apre un ferita nel loro cuore. Quello che è successo a Morata, però, è diverso: a Madrid si sentiva perso, a Torino ha ritrovato la voglia. Emblematici i suoi saluti su Twitter a tutti i compagni di squadra andati via: innaMorat…a.

PILASTRO PER IL FUTURO – Inutile nasconderci: perdere Morata sarebbe un durissimo colpo per il progetto della Juventus. Dybala e Morata, coadiuvati da Mandzukic, sono gli attaccanti su cui Marotta e Paratici hanno puntato per il futuro, sacrificando Tevez, Llorente e anche Coman. Morata dovrà fare le fortune della Juventus, e se deciderà di tornare a Madrid, i bianconeri perderanno una grande fetta del loro parco attaccanti.

Luigi Fontana

(@luigifontana24)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *