Francesco Ricciardi
No Comments

Perché Menez non è un fallito

Il fantasista francese pronto a rientrare per regalare colpi di classe e un trequartista al Milan di Miha....

Perché Menez non è un fallito
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Jeremy Menez e il Milan, storia d’amore destinata a proseguire, dopo le tante voci di mercato della sessione estiva. Il fantasista francese, ex PSG, ha subito, tra l’altro, un pesante infortunio alla schiena, che lo terrà lontano dai campi ancora per qualche settimana. Jeremy, però, potrebbe essere l’uomo chiave del Milan di Mihajlovic le sue caratteristiche, ammirate nella passata stagione, mancano e non poco ai rossoneri.

Si potrebbe così risolvere il problema del trequartista: fantasia, tecnica sopraffina e spiccato senso del gol. FenoMenez è pronto a riprendersi il Milan sulle spalle. Con Adriano Bacca e Balotelli forma uno dei reparti offensivi più forti della Serie A. Inoltre è un giocatore che può risolvere qualsiasi partita con una giocata delle sue.  Tiratore infallibile di rigori (nella scorsa stagione ha messo a segno 8 tiri dal dischetto su 8), cambio di passo, dribbling e tiro. Unica pecca la discontinuità nelle prestazioni. Il genio e la follia chiuse in  un unico calciatore.

Mihajlovic spera di averlo a disposizione per la sfida contro il Napoli del 4 Ottobre. Perché in casa Milan sussiste il problema del trequartista: Suso e Honda non convincono e Jack Bonaventura rimane mezzala secondo il tecnico ex Sampdoria.  Ben venga il recupero di Menez: gioverebbe a tutti. Fantasia al potere: FenoMenez e il grido di vendetta.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *