Sanda Urda
No Comments

MotoGP Misano, Rossi torna a casa con la leadership iridata in tasca

Alla vigilia della tredicesima tappa, Valentino arriva in testa al mondiale e da preferito (vittoria nel 2014) sul circuito di casa

MotoGP Misano, Rossi torna a casa con la leadership iridata in tasca
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
foto MotoGP: Alessandro Giberti

Conferenza MotoGP Misano

Il weekend più emozionante della stagione, quello del Misano World Circuit Marco Simoncelli, amato da tutti nel mondo delle due ruote, ma sopratutto dai piloti italiani, in maggior parte nati nelle vicinanze. I top rider MotoGP, hanno inaugurato il Gran Premio TIM di San Marino e la Riviera di Rimini, tredicesima tappa nel calendario, con la tradizionale conferenza stampa. Ai microfoni 6 di loro, capitanati dal imponente Valentino Rossi che arriva sulla pista di casa da “preferito”, con la vittoria nel 2014 qui, e l’attuale leadership del mondiale. Alla sua destra, il compagno di box e rivale nel campionato, Jorge Lorenzo, con 12 punti in meno, e quale si deve ancora riprendere dopo lo schiaffo preso a Silverstone in wet condition. Risponde anche Andrea Dovizoso, tornato sul podio e fiducioso dopo i test privati. Alla sinistra del Maestro, c’è Marc Marquez, campione in carica che nonostante un altro zero, matematicamente è ancora in gioco. Presenti anche Danilo Petrucci reduce del primo podio in carriera, e Alex De Angelis, pilota riminese in sella alla open del E-Motion IodaRacing, in continuo sviluppo. L’argomento principale è stato il nuovo asfalto, con quale, molti di loro s’incontreranno per la prima volta.

VALENTINO ROSSI (Movistar Yamaha MotoGP)- ha dichiarato: “Misano è sempre speciale perché si trova vicino a Tavullia e quando ero piccolo sono praticamente cresciuto su questa pista: poi, sempre qui, ho girato per la prima volta in vita mia su una moto ‘vera’. Quest’anno è importante perché c’è molta aspettativa attorno a me. Arrivo in testa alla classifica e dopo la vittoria di Silverstone. È speciale anche perché sono circondato da amici e familiari. La cosa fondamentale sarà rimanere concentrati in pista. La nostra moto va forte qui e sono riuscito a vincere l’anno scorso dopo tanto tempo. Ma anche i miei avversari Lorenzo e Marquez sono sempre andati veloci qui. È stato fatto un gran lavoro con il nuovo asfalto, adesso c’è più grip. Dovremo vedere come domani risponde la Yamaha. A Silverstone la pioggia mi ha consentito di fare una buon gara, mentre sull’asciutto avrei faticato, sicuramente sarebbe stata più dura. Qui invece spero in una gara asciutta.”

JORGE LORENZO (Movistar Yamaha MotoGP)- ha risposto: “Peccato per Silverstone, è stata un po’ una delusione, perché sull’asciutto avevo un’ altra velocità e un altro passo. Ma sfortunatamente la gara è andata diversamente e ho perso alcuni punti da Valentino. Misano per me rappresenta l’occasione per riavvicinarmi, partirò forte sin dalle prime prove. Sono curioso di vedere come reagisce la moto alle caratteristiche del tracciato col nuovo asfalto. Ho il potenziale per disputare una gran corsa, l’Italia è un pò come la seconda casa per la Yamaha, farò di tutto per ottenere un buon risultato.

MARC MARQUEZ (Repsol Honda Team) :”La rincorsa al titolo non è perduta, ma adesso è sicuramente più difficile. Cercherò di correre le ultime gare al massimo. Speriamo nel bel tempo per settare al meglio la moto e stare con Lorenzo e Valentino. Il nuovo asfalto ha migliorato le condizioni, possiamo girare 1” più veloce, molto dipenderà anche dalle temperature. A Misano ho fatto delle belle gare quando ero in Moto2; in MotoGP non è andata cosi bene ma cercherò di ottenere un buon risultato e di lottare fino all’ultimo giro.”

ANDREA DOVIZIOSO (Ducati Team)- “Arrivare al GP di casa col podio di Silverstone è una gran cosa. Anche se si è trattato di una gara bagnata, è stato importante per me e per la Ducati. Salire sul podio qui sarà molto difficile con le 4 moto factory di Honda Yamaha a lottare per il titolo; sarà difficile ma non impossibile, la nostra velocità è buona e possiamo stare con loro.”

DANILO PETRUCCI (OCTO Pramac Racing)- Sarà il primo GP del ternano con la Ducati GP14.2, (finora usata solo dal compagno Yonny Hernandez) e in conferenza ha detto: “Non ho avuto molto tempo per festeggiare, purtroppo, perchè ho dovuto fare molte interviste! In pratica ho passato tutta la settimana al telefono: vi assicuro che rispondere a tutte queste domande è più difficile che esser in pista. Misano è una grande opportunità per me di stare con i primi; come a Silverstone, spero di non commettere errori. Lì ero al limite. Sono felice per il mio primo podio, ma adesso voglio fare una bella gara anche sull’asciutto e magari chiudere nella Top Five. A Silverstone sapevo che questi ragazzi si stavano giocando il titolo, ho avuto paura di commettere un errore e compromettere anche la loro gara. Il mio obiettivo, realisticamente, è arrivare nella Top Ten. Sono ottavo in classifica ma Pol Espargarò, Maverick Viñales, Cal Crutchlow sono molto veloci e dovrò faticare molto.”

ALEX DE ANGELIS (E-Motion IodaRacing): “E’ sempre belle tornare a casa: qui ho conquistato il mio primo podio nel 1998 e trovarmi su questo circuito mi dà la carica, la motivazione a fare del mio meglio per conquistare dei punti. Sarà difficile sull’asciutto. Abbiamo un nuovo sponsor e speriamo di poter ricevere delle attenzioni dall’Aprilia perché la mia moto non è competitiva rispetto alle altre Open. Nella categoria se la giocano Ducati e Yamaha. Io voglio dare il 100% di quel che ho.”

L’azione comincia da domani mattina con il via alle prove libere su questo nuovo asfalto sconosciuto per Rossi e Lorenzo, ma le previsioni promettono bene per tutto il fine settimana.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *