Giulia Cassini
No Comments

Galata per scoprire il mare a tutto tondo

Tutto lo stupore di ritrovarsi a bordo

Galata per scoprire il mare a tutto tondo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Galata è il Museo del Mare a Genova, nonchè vasto polo culturale al servizio dei cittadini, che promuove la conoscenza e la valorizzazione della cultura marittima, dell’identità storica genovese e dei rapporti con le altre culture. Il Galata in numeri si traduce come 12.000 metri quadri, 28 sale, 4 livelli (all’ultimo piano la bella “terrazza Mirador” da cui godere della vista panoramica sul porto e sul cuore della città vecchia). Al Galata ci sono 4.300 oggetti originali, 75 postazioni multimediali, 6 ricostruzioni a grandezza naturale di imbarcazioni storiche, 42 m di Galea, 30 m di Brigantino, 1 sommergibile in acqua, 2 globi preziosi del Seicento, 10 atlanti storici, 1 terrazza panoramica a 360° sulla città, 5 percorsi pedonali scaricabili su Mp3 dal Mirador al centro storico, 1 plastico sulla Darsena del Seicento, 1 Codice dei Privilegi di Cristoforo Colombo ( 2° copia al mondo), 10 carte nautiche del Cinquecento e 100 cannocchiali del Settecento e dell’Ottocento, 150 piani di costruzioni originali dai piroscafi ai transatlantici, giusto per dare qualche numero.

Galata, arrivandoci dal parcheggio del Porto Antico

Galata, arrivandoci dal parcheggio del Porto Antico

IL GALATA- Al Galata Museo del Mare si sale a bordo, ci si immedesima nella vita dei marinai, dei passeggeri e degli emigranti. Al piano terra accoglie il visitatore “L’affresco” di Renzo Piano , vale a dire”Genova come potrebbe essere”, e poi inizia il percorso vero e proprio con un tuffo nel passato dal XV secolo verso il XIX con il Porto nel Medioevo, già scalo moderno di straordinarie dimensioni. Nei secoli successivi va detto che la Repubblica non sempre si rivela cosciente dell’importanza del Porto: gli investimenti vengono lesinati, l’ammordernamento trascurato. Un validissimo video mostra la trasformazione del Porto dal ‘500 all’Unità, attraverso dipinti e stampe che il Galata Museo del Mare conserva nelle sue collezioni. Sempre al piano terra sono ben enucleate le merci del Porto di Genova, la figura di Cristoforo Colombo, la ricostruzione delle navi colombiane (due caravelle ed un nao, cioè un bastimento più grande denominato La Gallega e ribattezzato Santa Maria), la sezione Andrea Doria e le Galee genovesi, le armi della Repubblica. Al primo piano seguono Galee, Genova e la guerra nel Mediterraneo, Atlanti e Globi, le sezioni Genova e l’età delle rivoluzioni, tempeste e naufragi (tra cui il naufragio nell’Atlantico del 1978, la zattera di Fogar e Mancini) e la”Sala della Tempesta in 4D” per un’esperienza da provare in prima persona, che consente al visitatore del Galata di salire a bordo di una scialuppa in un mare in tempesta. Si passa poi ad un più tranquillo ed ortodosso viaggio tra le scienze nautiche e poi salendo al terzo piano si va via via allo specchio di Genova e degli emigranti in tempi sempre più vicini, con l’approfondimento sul viaggio in America (di rilievo la sala interattiva denominata “Piroscafo” con la ricostruzione di un ponte di prima classe e un simulatore navale) fino alla Stazione Marittima e alla Scuola dei Sommergibilisti.

Biglietto Galata Museo del Mare: intero 12 euro (senza visita al sommergibile S518 Nazario sauro); ridotti vari
orari: fino ad ottobre tutti i giorni dalle 10 alle 19,30 (ultimo ingresso h.18,30) mentre orario invernale da martedì a venerdì h.10-18 e sabato, domenica o festivi dalle 10 alle 19,30. Aperture straordinarie sul sito.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *