Kevin Brunetti
No Comments

Europei 2015: Gallinari, Gentile, Belinelli e Bargnani, i Fantastici Quattro vestono azzurro

Non avranno superpoteri come quelli creati dalla Marvel, ma Gallinari, Bargnani, Belinelli e Gentile stasera si sono guadagnati con pieno merito il titolo di supereroi

Europei 2015: Gallinari, Gentile, Belinelli e Bargnani, i Fantastici Quattro vestono azzurro
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La gara con la Spagna ci aveva dato splendide indicazioni, ma da stasera è ufficiale: i Fantastici Quattro vestono la canotta italiana. Non ci credete? Ok, Gallinari non può allungarsi a piacimento come Mr.Fantastic, Bargnani non può sparire come la Donna Invisibile, Belinelli non può generare fiamme come la Torcia Umana e Gentile non ha la forza della Cosa… Ma le lunghe leve del Gallo causeranno una nottata da incubo al suo marcatore, il Mago ha dimostrato di saper far sparire non se stesso, bensì la palla per poi farla ricomparire dentro al ferro avversario, Beli ha mostrato ancora una volta di accendersi come una torcia nei momenti cruciali, e Alessandro ha decisamente due attributi paragonabili a quelli dell’eroe della Marvel.

L'esultanza di Belinelli dopo una delle triple decisive

L’esultanza di Belinelli dopo una delle triple decisive

IL MAGO C’E’ – Una partenza a rilento contro una Germania che nel proprio roster contava elementi temibilissimi come Schröder e il leggendario Nowitzki era prevedibile, il merito degli azzurri è stato quello di farla durare il meno possibile. Toccato il parziale di -8 infatti, il primo tempo è diventato terra di conquista per Bargnani e Gentile, entrambi decisivi da entrambi i lati del parquet. Annullato il timore iniziale, riecco la fantastica Italia vista meno di 24 ore fa contro la Spagna: aiuti in difesa, movimenti in attacco… E soprattutto due attributi grossi come noci di cocco. Nonostante la sofferta, seppur giustissima, scelta di Coach Pianigiani di far giocare liberamente Schröder, gli azzurri hanno marcato benissimo i quattro attorno a lui, compreso un ragazzotto 37enne che in carriera qualcosina di buono ha fatto.. Dirk Nowitzki.

KEEP CALM AND PASS TO GALLO – Sul 42 pari di fine primo tempo la sensazione è stata la stessa per ognuno di noi: “Se si sveglia anche il Beli ce la portiamo a casa”. Marco però ci ha fatto aspettare, ci ha fatto soffrire come dei dannati, soprattutto sul -9 e con il pubblico tedesco in assoluta estasi… Ma poi si è svegliato. E non lo ha fatto in un momento a caso, lo ha fatto come sempre quando più contava: +5 Germania, 5′:39″ sul cronometro… BANG, tripla. +2 Germania, 5′:07″ sul cronometro… BANG, tripla. Sei punti che hanno fatto schizzare dal divano anche il più pacato dei tifosi, sei punti che lo hanno scaldato come la Torcia Umana. Difficile descrivere per scritto i minuti successivi, sintetizzando tutto in due parole: Gallinari show. Canestro del 76-76 a 4.6″ dal termine, canestro del +2 a 44″ dalla fine dell’Overtime e palla a Beli per la tripla del +5 a 25″ dallo scadere. In sintesi: Italia batte Germania 89-82, questi azzurri sono meravigliosi. “Palla al Gallo e s’abbracciamo”.

Italia: Gallinari 25, Belinelli 17, Bargnani 17, Gentile 15

Germania: Schröder 29, Nowitzki 14, Zipser 11, Pleiss 10

ALTRI RISULTATI

Gruppo A: Bosnia-Finlandia 59-88; Polonia-Israele 73-75

Gruppo B: Serbia-Turchia 91-72

Gruppo C: Grecia-Slovenia 83-72; Macedonia-Georgia 75-90

Gruppo D: Belgio-Rep.Ceca 64-66; Lituania-Ucraina 74-75

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *