Luigi Fontana
No Comments

I 3 motivi per cui sarebbe stato meglio tenere Coman

Analizziamo i 3 motivi per cui sarebbe stato meglio tenere Coman e non cederlo al Bayern Monaco senza pensarci troppo...

I 3 motivi per cui sarebbe stato meglio tenere Coman
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nelle ultime ore di mercato la Juventus ha effettuato non solo operazioni in entrata, ma anche in uscita. Quelle che nessuno (neanche Allegri) si aspettava, è stata la cessione di Kinglsey Coman. Come ha evidenziato lo stesso tecnico della Juventus, è stato proprio il francesino a chiedere di andarsene ed è stato preso dal Bayern Monaco. 7 milioni per il prestito biennale più 21 per il riscatto. Era proprio necessario venderlo? Analizziamo i 3 motivi per cui mantenere Coman avrebbe fatto comodo.

ETÀ – Coman è un classe ’96 e, seppur venduto a 28 milioni (preso a 0, grande plusvalenza), avrebbe fatto molto comodo alla Juventus. Avrebbe garantito un rinforzo offensivo per molti anni e la sua età sarebbe stata la garanzia giusta per la sua crescita. Venduto troppo in fretta, potrebbe essere una beffa alla Henry: la leggenda francese, infatti, fu facilmente scaricata da Moggi e Ancelotti, facendo in seguito le fortune dell’Arsenal.

VELOCITÀ E FRESCHEZZA IN ATTACCO – Con l’addio di Coman l’unico che può dare al reparto offensivo bianconero velocità, freschezza e cambio di passo è Dybala. Lui e Coman erano sì due doppioni, ma in una squadra servono come il pane calciatori del genere, per vari motivi: spaccare la partita, riuscire a trovare il varco giusto in una partita bloccata, saltare l’uomo. A dire la verità, il francese non aveva dimostrato tantissime volte di possedere queste qualità, ma come già detto prima era l’età a fare da garante.

LISTE CALCIATORI – Sembrerà un motivo banale, ma non lo è. Dall’anno prossimo, Coman sarebbe potuto rientrare nelle liste della Serie A e della Champions League come giovane cresciuto nel vivaio. Significava liberare un posto per un nuovo acquisto. Così non sarà e per questo la Juventus, qualora volesse comprare un over21, si ritroverà costretta a cederne un altro. Una bella gatta da pelare per Marotta e Paratici, che dovranno, ancora un volta, fare dei sacrifici.

Solo il tempo potrà dirci se Coman è stato un affare per il Bayern o per la Juventus, ma, ora come ora, rimane l’amaro in bocca per aver lasciato partire un calciatore che aveva un avvenire: una contraddizione nella progettualità bianconera di linea verde.

Luigi Fontana

(@luigifontana24)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *