Cristy Marinari
No Comments

I 3 motivi per dare fiducia alla Lazio

Tifosi scontenti, mercato che non ha soddisfatto le aspettative, infortuni: l'inizio della Lazio non è stato dei migliori, ma crederci ancora è possibile

I 3 motivi per dare fiducia alla Lazio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’aria intorno a Formello si fa pesante dopo la disfatta veronese, l’uscita dalla Champions League e la contestazione dei tifosi che tuona dall’orizzonte. Il clima di pessimismo sembra voler non abbandonare i biancocelesti, anche per il mercato che non ha soddisfatto in pieno per i pochi innesti. Il dito è stato puntato più volte, la Lazio però ha un nuovo volto, è in fase di rodaggio e potrebbe riservare ancora belle sorprese. Sembra difficile da credere ad ora , ma, la strada in campionato ed i chilometri da macinare in Europa, sono ancora tutti lì davanti. Perché dare fiducia ai biancocelesti? Perché no! Ecco tre motivi per crederci ancora.

STEFANO PIOLI – Vero e proprio capitano al comando, il tecnico biancoceleste è stato in grado, nella passata stagione, di costruire una Lazio autentica ed offensiva. Stefano Pioli è stato così premiato e resterà a Formello fino al 2018. Dopo aver ottenuto risultati che andavano ben oltre ogni più rosea aspettativa, ha fatto vedere l’organizzazione tattica e la compattezza. Ha messo in risalto quei calciatori che erano rimasti un po’ nell’ombra, facendone valere le qualità. Stefano Pioli è l’uomo giusto per i biancocelesti. Ha ereditato una panchina bollente, una squadra che usciva da una stagione affatto positiva, ma con lui la Lazio ha trovato la giusta dimensione.

I RITORNI – Non può piovere per sempre. Le assenze importanti sono state, più di ogni altra cosa, il fattore che ha pesato di più sulla squadra. Tutte grane con cui Stefano Pioli deve fare i conti. Anche se i tempi di recupero non sono ancora stati accertati ufficialmente, il ritorno di Miro Klose e Federico Marchetti è atteso dopo la pausa per le Nazionali e Filip Djordjevic è in netto miglioramento. La speranza è quella di recuperarlo per la sfida contro l’Udinese. La situazione di Lucas Biglia, per il momento, sembra più complessa e saranno necessari altri esami a breve per stabilire l’entità reale del suo stop. Il ritorno dei quattro titolari sicuramente segnerà la svolta definitiva per far riprendere la corsa della Lazio.

I GIOVANI – Hanno avuto un debutto un po’ in sordina i giovani arrivati a Formello. Ricardo Kishna si è distinto nella sfida casalinga contro il Bologna, ma, come gli altri, rimane ancora un po’ un’incognita. Ancora non perfettamente ambientati ed acerbi, tuttavia in questa loro inesperienza c’è un lato positivo: il margine di crescita.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *