Matteo Masum
No Comments

Roma, tre mosse per sorprendere la Juventus

Florenzi l'uomo giusto per mettere in difficoltà il centrocampo bianconero. Attenzione sulle fasce

Roma, tre mosse per sorprendere la Juventus
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E’ la sfida tra le pretendenti più accreditate al titolo, nonostante siamo solo alla seconda giornata. Roma-Juventus non è mai una partita banale e quest’anno assume un significato ancor più importante vista la partenza ad handicap e il mercato estivo che ha quasi rivoluzionato le due rose. I bianconeri sono favoriti in virtù dei risultati ottenuti negli ultimi anni, ma i giallorossi hanno le carte in mano per sovvertire il pronostico. Proviamo a metterci nei panni di Garcia e ad individuare tre mosse con le quali i capitolini possono mettere ko i rivali.

FLORENZI ATTACCANTE – Pochi i dubbi di formazione per Garcia, uno di questi è l’esterno da affiancare a Dzeko e Salah. Una buona soluzione potrebbe essere rappresentata dall’impiego di Florenzi, visto che Maicon pare abbia recuperato e possa riprendere il suo posto da terzino destro. Con Florenzi la Roma avrebbe maggior copertura, la possibilità di spendere un uomo per il pressing sul portatore di palla bianconero e un fulmine in fase di ripartenza. Inoltre il jolly di Garcia ha anche un’ottima capacità in zona cross, utilissima quando hai uno come Dzeko al centro dell’attacco.

CONTROPIEDE – La Roma ha grosse difficoltà in fase di costruzione della manovra: dunque perchè non provare a puntare tutto sul contropiede? D’altro canto la squadra di Allegri, priva di Pirlo e Marchisio, ha nel solo Pogba un uomo in grado di imbastire un’azione offensiva, e il francese non è nemmeno un regista classico. L’esperimento Padoin è decisamente naufragato. Recuperata palla, i giallorossi potrebbero lanciare i velocissimi esterni offensivi per mettere in difficoltà la retroguardia bianconera. Un’opzione che Garcia non può permettersi di scartare.

RADDOPPI SULLE FASCE – E’ sugli esterni che la Juve può rendersi maggiormente pericolosa, con Lichtsteiner e probabilmente Alex Sandro pronti ad una sfida all’ultimo sangue con Digne e Maicon. Lì la Roma dovrà fare grande attenzione visto che in area di rigore, con gente del calibro di Mandzukic e Morata, ogni cross potrebbe essere letale. Per questa ragione i raddoppi saranno fondamentali e molto dipenderà dal lavoro in questo senso di Nainggolan, Florenzi e Pjanic. Il match scudetto sta per iniziare.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *