Sanda Urda
No Comments

MotoGP Silverstone, si riparte da zero

A sette gare dalla fine campionato, in testa alla classifica iridata si sono piazzati i due alfieri Yamaha a pari punti. La parola ai piloti nella abituale conferenza

MotoGP Silverstone, si riparte da zero
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il paddock MotoGP è già installato a Silverstone e si prepara ad affrontare la dodicesima battaglia nel calendario, l’Octo British Grand Prix, sul veloce, storico e più lungo tracciato di tutto il mondiale.

Chiamati a rispondere nella classica conferenza pre-weekend, i primi cinque nella classifica iridata MotoGP (Lorenzo, Rossi, Marquez, Iannone e Smith) e il leader iridato Moto3, l’inglese Kent.

foto: Luciano Bianchetto

Jorge Lorenzo in conferenza a Silverstone

Jorge LORENZO (Movistar Yamaha MotoGP)- che detiene il record con tre vittorie qui, tirato in causa dopo avere eguagliato il teammate, ha dichiarato: “È un buon momento per me, per Valentino e per la Yamaha. Marquez è ancora in corsa per il Campionato, può sempre vincere alcune gare e recuperare qualche punto, per cui dobbiamo stare attenti.  Sono orgoglioso di quanto ho fatto finora: dopo il GP d’Argentina ero a 29 punti dalla vetta e adesso abbiamo recuperato tutto il gap. Ora inizia un altro campionato per noi due. Il fatto di aver recuperato non significa che sarà facile scappare via: ogni gara è diversa e ogni anno è diverso; qui ho già vinto tre volte ma, se voglio confermarmi, devo lavorare sodo sin dalle prime libere. Sulla carta il layout di Silverstone sembra esser distante dal mio stile di guida, eppure io mi sono trovato a mio agio sin dalla prima volta che vi ho corso.”

Valentino ROSSI (Movistar Yamaha MotoGP) – Unico a non preferire questo tecnico tracciato inglese dove l’anno scorso giunse terzo,  ma per quanto riguarda il presente ha dichiarato: “Ora è tutto più difficile, è incredibile trovarsi in testa con gli stessi punti dopo 11 gare. Sono felice della mia prima parte di stagione, sono arrivato alla pausa estiva, con un piccolo vantaggio di 13 punti. Ma alla ripresa  Jorge è rientrato molto in forma. Silverstone non è tra i miei circuiti preferiti, mentre Jorge si trova a suo agio qui. Guardando ai risultati di quest’anno, sono stato molto regolare a salire sempre sul podio, per questo ho gli stessi punti di Jorge, nonostante lui abbia vinto due gare in più. Non dimentichiamoci però di Marc,  perché anche se lontano in classifica, non bisogna darlo per vinto ed ha dimostrato di poter vincere ancora. Mi piacciono le battaglie e voglio lottare fino all’ultima gara.”

Marc MARQUEZ (Repsol Honda Team) – Campione in carica e in pieno recupero punti ai danni dei due yamahisti, è pronto per gettare ancora più benzina sul fuoco: “Farò del mio meglio, in ogni gara. A Brno ho fatto fatica ma ci ho provato, ho seguito Jorge che in tutto il weekend è andato fortissimo. Ma anche gli altri sono lì. L’anno scorso andò bene per me, vedremo quest’anno che condizioni troveremo. Silverstone è un tracciato che mi piace, posso lottare per la vittoria e provare a battere Jorge, Valentino, o entrambi. Il discorso Campionato non è ancora chiuso, anche se rimane difficile, visti i 52 punti da recuperare. La cosa più importante è il feeling che ho ritrovato con la moto e che mi permetterà di stare lì davanti con loro.”

Andrea IANNONE (Ducati Team)- Quarto nel mondiale e reduce, insieme al compagno omonimo, da una giornata di test privati a Misano, ha detto: “Per me è stato un campionato bellissimo finora, ho migliorato costantemente le mie perfomance e voglio continuare così. Cercherò di spingere e dare il massimo nelle ultime gare per puntare a dei buoni risultati e conservare la quarta posizione in Campionato. Silverstone non è tra i miei circuiti preferiti, ma sembra si addica alla nostra moto, come mostrato anche l’anno sorso da Dovizioso. La prima parte della stagione è stata incredibile, ma dopo le prime tre o quattro gare la situazione si è complicata perché abbiamo perso un po’ di feeling. Brno è stato un weekend fantastico, perché sono riuscito a ridurre il gap dalle moto migliori e per me è fonte di motivazione per questo fine settimana.”

Bradley SMITH (Monster Yamaha Tech3)- L’inglese arriva con la riconferma, insieme al teammate Pol Espargaro, per il prossimo anno, e ha dichiarato nella conferenza della gara di casa: “La settimana è iniziata per il meglio con il rinnovo del contratto con il team, avevamo iniziato a parlare già da qualche settimana e poi abbiamo definito i dettagli. Ora posso concentrarmi solo  sulla  mia guida e sul GP di casa. Il principale obiettivo della stagione è continuare in questa maniera, fare dei piccoli passi. Mi trovo a mio agio sulla moto e dobbiamo continuare a guardare avanti. Finora ha funzionato tutto alla perfezione e siamo stati anche costanti, a volte addirittura siamo stati in grado di trasformare un sabato difficile in una domenica straordinaria. Anche se sono quinto in Campionato, devo comunque stare attento a Andrea e a Dani.”

Danny KENT (Leopard Racing Moto3) – Chiamato per la sua leadership nel campionato della classe cadetta, una rarità per i piloti inglesi, ha detto: “Le prime otto gare sono state incredibili per noi. Siamo saliti costantemente sul podio, poi nelle ultime gare abbiamo avuto un po’ di sfortuna perché sia a Indy che a Brno avevamo il passo dei migliori. Vengo da un weekend complicato in Repubblica Ceca, poiché non avevamo un’altra gomma per la ripartenza. Così abbiamo perso 21punti nelle ultime due gare. Dobbiamo continuare a lavorare sodo, possiamo ancora incrementare il nostro vantaggio. Silverstone è una pista che mi piace, adatta a me e alla Honda. Mi ricorda un po’ Austin in certe sezioni: speriamo di poter rivivere lo stesso esito finale. Prima di tutto, devo difendere la mia leadership e vincere. Non penso al titolo, ragiono gara per gara.”

In vista delle prove libere di domani che iniziano alle 10:00 ore italiane, Lorenzo vanta i suo successi, Rossi si consola e si motiva con il suo Honorary Member dell’esclusivo club per riders a quattro ruote (BRDC), e Marquez fa i calcoli per batterli entrambi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *