Matteo Masum
No Comments

Ljajic, Iturbe, Ibarbo, Gervinho: a chi può rinunciare la Roma?

L'argentino e il colombiano sono i maggiori indiziati per una cessione. Il serbo ha il vantaggio di essere "di formazione italiana"

Ljajic, Iturbe, Ibarbo, Gervinho: a chi può rinunciare la Roma?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il parco attaccanti della Roma è affollatissimo, nonostante gli addii di Sanabria (prestito), Destro e Doumbia (prestito, ma per lui possibile futuro in Cina da Gennaio). Probabilmente da qui alla fine la società cercherà di sfoltire ulteriormente l’organico, mediante le cessioni di un paio di elementi offensivi. Quattro gli indiziati, ossia Adem Ljajic, Juan Manuel Iturbe, Victor Ibarbo e Gervinho.

LJAJIC- Il serbo è sulla lista dei partenti ad ogni sessione di mercato, ma per ora è rimasto nella capitale. Il vero motivo, al netto delle offerte giunte a Trigoria, è che Ljajic è considerato “calciatore di formazione italiana” e quindi concorre a comporre il numero di 8 elementi richiesti dalla Figc. Difficile che parta, visto che, nel caso, la Roma avrebbe bisogno di acquistare altri tre giocatori italiani o di formazione italiana. E il tempo stringe.

ITURBE- L’argentino ha già pronte le valigie. La sua cessione dovrebbe avvenire in prestito, e potrebbe rappresentare un’occasione per lui e per la Roma. In un precedente articolo abbiamo elencato i motivi per i quali sarebbe opportuno dargli una seconda chance, ma è altrettanto vero che altrove troverebbe un ambiente più adatto per esplodere senza pressioni. Genoa e Benfica le opzioni più calde.

IBARBO- La situazione di Ibarbo è intricata poiché il calciatore è in prestito dal Cagliari e per mandarlo via bisogna trovare prima un accordo con la società sarda. Nell’attacco giallorosso il colombiano è quello con minor qualità, quindi possibile che sia lui a partire. Certo, si tratta di un calciatore molto prezioso in fase difensiva, quindi la Roma dovrebbe pensarci bene prima di privarsene.

GERVINHO- Il giocatore meno amato dalla tifoseria e quello più amato dall’allenatore. Difficile che l’ivoriano lasci Roma, nonostante le offerte non manchino, proprio perché è il pupillo di Garcia. Se è in forma Gervinho può fare la differenza e spaccare le difese, soprattutto in contropiede. L’impressione è che gli avversari gli abbiano preso ampiamente le misure, ma potrebbe comunque risultare utile a stagione in corso.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *