Roberto Cusimano
No Comments

Il Palermo batte di misura il Genoa, ma che fatica!

Primo tempo di marca genoana, il secondo rosanero ma alla fine sono i padroni di casa a spuntarla. Dopo quattro anni il Palermo torna a vincere all'esordio

Il Palermo batte di misura il Genoa, ma che fatica!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Esordio con vittoria del Palermo sul Genoa. I rosanero davanti il proprio pubblico ci tenevano a partire con il piede giusto e, a fatica, ci sono riusciti. L’uomo partita è stato il marocchino El Kaoutari, trovatosi al posto al giusto nel momento giusto. Segnare al 91′ sotto la curva Nord regalando i tre punti alla propria squadra non ha prezzo ed è per questo che l’ex Montpellier è già diventato un beniamino dei tifosi.

INIZIO CORAGGIOSO DEL GENOA – Gasperini nei giorni precedenti alla gara aveva lamentato la pochezza di elementi titolari in rosa, e tra squalificati e infortunati (tra cui Perotti) i genoani sono arrivati al “Barbera” con appena tredici elementi su cui contare: il resto era composto da ragazzi della Primavera. Eppure specialmente nel primo tempo sono stati loro ad andare più vicini al gol con Pandev e Ntcham ispirati tanto da impensierire in più di un’occasione Sorrentino. Il Palermo si sveglia solo poco prima della mezz’ora con il solito Vazquez ad illuminare la scena, seguito da Rigoni che colpisce da due passi una clamorosa traversa. Iachini corregge il tiro, fa uscire Chochev e mette dentro Trajkovski per dare maggior brillantezza al reparto avanzato.

ALL’ULTIMO RESPIRO – Ripresa di marca rosanero con i padroni di casa che giocano meglio ma non riescono a sbloccare la gara. Nemmeno il Mudo, con un gran tiro dai venti metri, ci riesce. Sembra un incantesimo, magari lo è davvero. L’italo argentino colpisce l’ennesima traversa della sua carriera palermitana, la seconda del Palermo durante la gara. I liguri non attaccano più, sembrano ormai accontentarsi, in fondo un punto in un campo difficile come quello dei siciliani non è da buttare. Ma all’ultimo respiro ecco il difensore classe ’90 risolvere nel migliore dei modi una mischia in area di rigore facendo esplodere di gioia gli oltre ventimila presenti.

CAPITOLO MERCATO – Presso il popolo rosanero c’è tanta soddisfazione per la vittoria di ieri ma i malumori legati ad un mercato deficitario da parte di Zamparini non si fermano. Preoccupa soprattutto la situazione riguardante l’attaccoGilardino è ad un passo ma basterà solo lui a finalizzare la mole di gioco costruita dal buon centrocampo siciliano? Basterà per accontentare le esigenze della tifoseria? La squadra ha dimostrato fino a ieri di creare tanto e di avere spesso le idee chiare facendo divertire gli spettatori, ma l’impressione è che qualcos’altro vada fatto. Magari un colpo a sorpresa o “last-minute” che dia vigore ad un reparto dove l’unica certezza è rappresentata attualmente da Franco Vazquez.

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *