Enrico Steidler
No Comments

Funerali Casamonica, qualcosa di buono c’è: i vescovi stanno zitti

Non tutti i mali vengono per nuocere: solo le esequie hollywoodiane del boss Vittorio Casamonica - e relativa figuraccia senza precedenti - potevano riuscire nel "miracolo" di zittire i censori...

Funerali Casamonica, qualcosa di buono c’è: i vescovi stanno zitti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Toc, toc: c’è qualcuno in Casa?…Toc, toc… strano: dove diavolo sono finiti tutti? Che fine hanno fatto i vescovi da trincea in servizio permanente effettivo? Quelli che bastonano a destra e a sinistra e che dettano le linee-guida per ogni vivente, credente o no? Possibile che non abbiano niente da dire sullo scandalo mondiale che si è consumato nella Dimora del Signore? Che tacciano proprio ora che dovrebbero parlare?

QUANDO SI DICE IL CASO… – Eppure sono trascorse più di ventiquattr’ore dal fattaccio: il tempo per tirare giù uno straccio di comunicato c’era eccome; e invece niente, zero, mutismo assoluto, tranne un vago “imbarazzo” lasciato trapelare per dovere d’ufficio (più qualche parola – altrettanto vaga – di sostegno al parroco: non poteva fare altrimenti, non è colpa sua, era tutto tranquillo, i cellulari erano spenti, non c’erano cani in chiesa…). E già, c’è da capirli, poveri vescovi: l’imbarazzo può paralizzare, e questo – evidentemente – vale anche le lingue più veloci del Creato. E poi il silenzio è d’oro, o di piombo, se preferite: meglio chiudersi nel riserbo che lasciarsi andare a dichiarazioni come quelle rilasciate da don Giancarlo Manieri, il prete che ha celebrato la messa.

QUEL FUNERALE S’HA DA FARE “Non sapevo fosse un criminale, non potevo tirarmi indietro. All’interno della chiesa è stato tutto molto tranquillo, sembravano cattolici di antica data. Ho parlato della speranza cristiana. I manifesti – quelli inneggianti al “Re di Roma” Vittorio Casamonica affissi sulla facciata della chiesa, ndr – li ho intravisti alla fine e poco dopo, quando il feretro ha lasciato il piazzale, li hanno staccati – ma che bravi ragazzi, ndr… – Io sono un parroco, quello che succede all’esterno non è di mia competenza. In ogni caso questo è l’anno della Misericordia, come avrei fatto a cacciare via la gente? Se qualcuno mi chiede un funerale per un defunto io lo celebro a meno che non ho indicazioni dall’alto come avvenuto per Piergiorgio Welby quando il cardinale Ruini disse di ‘no, mi assumo la responsabilità’. Cosa che in questo caso non c’è stata“.

Piergiorgio Welby

Piergiorgio Welby

DEI DELITTI E DELLE PENE – Ecco, mille volte meglio il silenzio – imbarazzato e colpevole – che fare il nome di Piergiorgio Welby (il noto attivista per i diritti civili morto per eutanasia cui fu negato il funerale religioso nella stessa chiesa di Casamonica – parroco era don Giovanni Nonne) e aggravare ulteriormente una situazione già disperata. “Il Vica­riato di Roma – scrissero il 22 dicembre 2006 i vertici ecclesiastici per motivare il gran rifiuto – pre­cisa di non aver potuto con­ce­dere tali ese­quie per­ché, a dif­fe­renza dai casi di sui­ci­dio nei quali si pre­sume la man­canza delle con­di­zioni di piena avver­tenza e deli­be­rato con­senso, era nota, in quanto ripe­tu­ta­mente e pub­bli­ca­mente affer­mata, la volontà del Dott. Welby di porre fine alla pro­pria vita, ciò che con­tra­sta con la dot­trina cat­to­lica”. Vivere una vita da delinquente, invece, non contrasta a quanto pare; soprattutto se si parla di un “cattolico praticante”.

BENEDETTA PROVVIDENZA“Cristo aspetta a braccia aperte questo nostro fratello”, ha detto don Manieri durante la messa per il boss. Ora, in attesa di indicazioni dall’alto sull’opportunità di queste parole e di tutto il resto (funerali esclusi: carità autenticamente cristiana impone di non negarli mai a nessuno), una cosa pare già evidente: lassù in Alto non l’hanno presa bene, e un terribile castigo – vedi alla voce piaga dello sputtanamento in mondovisione – si è già abbattuto su chi lo merita. Come in basso – istituzioni dello Stato – così in “alto“. Benedetta Provvidenza.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *