Roberto Cusimano
No Comments

I 5 motivi per tentare l’assalto a Isco

Il trasferimento di Kovacic al Real Madrid permette ai bianconeri di tornare sul loro vecchio obiettivo. Fare uno sforzo economico ne varrebbe la pena, vi spieghiamo il perché

I 5 motivi per tentare l’assalto a Isco
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Juventus continua a lavorare sul mercato in entrata. Dopo aver interrotto la trattativa che stava per portare a Torino il terzino Siqueira adesso le attenzioni si sono spostate nuovamente sul capitolo trequartista. L’inaspettata cessione di Mateo Kovacic al Real Madrid riapre uno scenario interessante per i bianconeri, i quali potrebbero tornare a bussare alla porta di Florentino Perez per lo spagnolo Isco, che fin dall’inizio della sessione di mercato ha rappresentato il gran desiderio di Max Allegri. Alternative nel corso delle settimane ne sono circolate una decina, non ultimo il Profeta Hernanes, ma dopo l’addio del croato difficilmente i nerazzurri si priveranno di un’altra pedina a centrocampo. A due settimane dal termine del calciomercato, vi elenchiamo i cinque motivi per cui Marotta e Paratici dovrebbero escludere ogni altra pista (come Draxler, Götze o Cuadrado) e tentare l’assalto al talento spagnolo in forza al Real Madrid.

QUALITA’ – Il ragazzo classe ’92 ha talento da vendere e lo ha dimostrato nelle ultime due stagioni a Madrid così come tre anni fa quando disputò un grande campionato con la maglia del Malaga. Controllo di palla, finta, dribbling, velocità e un gran tiro sono tutte caratteristiche che il giovane di Benalmádena possiede. Fa sembrare ogni giocata semplice da compiersi quando invece non lo è per niente, tratto tipico dei grandi campioni. E lui lo è.

ESPERIENZA – Nonostante i 23 anni da poco compiuti possiamo già parlare di un ragazzo con esperienza a livello europeo poiché, facendo parte del Real Madrid, giocare le coppe è una cosa abituale. Il suo attuale bilancio in Europa parla di trentatré presenze, sei reti e sei assist. Le possibilità che possa crescere ancora e dare un maggior apporto alla propria squadra ci sono tutte, magari in una piazza diversa da Madrid dove quasi tutte le attenzioni sono rivolte a CR7.

TREQUARTISTA PURO – Isco può senza ombra di dubbio essere considerato un trequartista con la T maiuscola. Al Real capita di vederlo partire come ala sinistra visto il modulo delle merengues, tuttavia è dietro le punte che lo spagnolo può dare il meglio di sé grazie a tutte le abilità di cui abbiamo già parlato. Un trequartista è quello che vuole Allegri per mettere all’opera il suo 4-3-1-2 e aumentare ulteriormente il tasso tecnico di una squadra già forte.

ESUBERO REAL – Brutto, forse esagerato considerare un giocatore come Isco esubero però la tentazione è reale. Se la dirigenza ha deciso di comprare Kovacic non crediamo lo faranno accomodare in panchina quindi giocherà, magari avvicendandosi con Modric. Gli altri due titolari di centrocampo (quasi inamovibili) saranno Kroos e James Rodriguez. In avanti la BBC è “sacra”. Per quel che riguarda la panchina oltre Isco ci sono Illarramendi, Lucas Silva e Casemiro: insomma se è vero che il Real sarà impegnato su più fronti si potrebbe far leva sul desiderio del calciatore di voler giocare di più, cosa che la Vecchia Signora gli garantirebbe.

DARE UN SEGNALE ALLE RIVALI – Dopo il boom di acquisti iniziali i bianconeri si sono “fermati” operando quasi esclusivamente nel mercato in uscita. Nel frattempo le altre squadre, la Roma su tutte, hanno cominciato a piazzare un colpo dopo l’altro rinforzandosi non poco. Riuscire a mettere a segno il colpo Isco significherebbe chiudere in bellezza un mercato che ha visto partire colonne portanti della Juve degli ultimi anni. Ma con un simile acquisto la campagna di Marotta e Paratici potrebbe meritarsi un 9 pieno.

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *