Kevin Brunetti
No Comments

Pianigiani e l’Italbasket serrano i ranghi, il Gruppo B non fa paura

Con i ragazzi Nba finalmente aggregati al gruppo l'Italbasket vola verso l'Europeo. Il gruppo è difficile, ma la fiducia è tanta... E adesso parola al campo

Pianigiani e l’Italbasket serrano i ranghi, il Gruppo B non fa paura
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’impresa che attende l’Italbasket tra 15 giorni è dura, durissima. La Dea bendata ci ha voltato le spalle nel sorteggio dello scorso Dicembre, e adesso ad aspettarci nel Girone B ci sono Spagna, Serbia, Germania, Islanda e Turchia.. Serve un’impresa, serve la migliore Italia possibile fin da subito, fin dal 5 Settembre nella sfida contro i turchi.

Gentile, Belinelli, Bargnani, Gallinari e Datome. I Big 5 dell'Italbasket

Gentile, Belinelli, Bargnani, Gallinari e Datome. I Big 5 dell’Italbasket

GEORGIA E AVVICINAMENTO – C’è fiducia in casa Italbasket, da quando i ragazzi Nba si sono aggregati ufficialmente al gruppo il livello sul parquet è cresciuto ovviamente in maniera esponenziale, e la partita contro la Georgia ne è la conferma. Il gruppo è compatto e la sfida contro i Georgiani ha evidenziato la molteplicità di armi a disposizione di Coach Pianigiani. Il risultato finale di 87-67  testimonia la disparità di equilibri, ma quello che conta davvero sono le eccellenti percentuali al tiro: nella serata no di Belinelli ci pensano il 6/7 di Gentile, il 6/7 di Gallinari, il 6/8 di Datome e il 4/6 di Hackett a dare agli azzurri una importante iniezione di fiducia in ottica europeo.

IL CANTO DEL GALLO – Il girone è quindi tostissimo, ma nelle passate settimane l’Italia di Coach Pianigiani ha messo in mostra una crescita importante sul campo, oltre che a livello di gruppo. Su tutti deve spiccare ovviamente il più talentuoso: Danilo Gallinari. Se l’Italbasket vuole avere chance di compiere l’impresa, il Gallo deve fare ciò che il suo talento gli consente di fare… Non deve solo giocare, deve dominare. Danilo non è però l’unico verso cui nutriamo tutti grandi speranze, questo Europeo deve essere l’europeo di tutti. Quello della rinascita del “Mago” Andrea Bargnani, quello delle conferme di Marco Belinelli da neo giocatore dei Kings, quello del riscatto del nostro capitano Gigi Datome e quello delle rivincite di Alessandro Gentile e Daniel Hackett.

Nowitki, la Serbia e i fratelli Gasol, ad oggi, non fanno più così paura. Forza Azzurri.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *