Davide Terraneo
No Comments

La grigliata di ferragosto tra i presidenti di Serie A

Lotito incontra i patron di Carpi e Frosinone, Mihajlovic mangia ostriche offerte da Galliani... Lo strano ferragosto dei presidenti di Serie A

La grigliata di ferragosto tra i presidenti di Serie A
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Anche i presidenti e gli allenatori di Serie A hanno il diritto di godersi ferragosto, ultima festività prima dell’inizio del nuovo campionato. Come hanno deciso di passare la loro giornata? Che ci crediate o no, si sono riuniti per una bella grigliata in attesa di aprire le ostilità. Tra qualche screzio e un infiltrato speciale, ecco come hanno trascorso il pomeriggio i patron e i tecnici riunitisi per festeggiare insieme.

LE SALAMELLE DI SABATINI – Il primo momento clou della mangiata è Sabatini che si avvicina a Galliani per offrirgli le sue salamelle: “Le vuoi? Non le ho mai assaggiate ma ti assicuro che sono tra le migliori. In cambio però mi dai ostriche, caviale e champagne. Più bonus, ovviamente”. L’a.d. rossonero ci pensa un po’ su, per poi scrollare le spalle e ribattere: “Ma sì, tanto offre Mister Bee. Sono finiti i tempi in cui frugavo tra i rifiuti dei negozi per carne a parametro zero. E tu, Sinisa, getta via quelle fragole. Ostriche anche per te, sempre sul conto del thailandese. Che non si dica che non siamo generosi qui”. Nel frattempo rissa sfiorata tra Lotito e i buttafuori dell’esclusivo pranzo. Il motivo? La presenza dei presidenti del Carpi e del Frosinone. E pensare che doveva essere una grigliata per soli membri della Serie A. Dove andrà a finire il calcio di questi tempi?

Sinisa Mihajlovic prima che Galliani sostituisse le fragole con ostriche

Sinisa Mihajlovic prima che Galliani sostituisse le fragole con ostriche

MANCIO AFFAMATO – Un po’ più in disparte intanto Mancini confabula con Thohir: “Sai Erick, queste costine che abbiamo preso poco fa non mi piacciono. Vendiamole e compriamone altre. Pagale in quindici rate semestrali, mi raccom…”. Discorso interrotto da Ferrero, che vedendo il presidente nerazzurro lo saluta con un “We, filippino!” che gli costa altri tre mesi di squalifica. Momento di discussione sul numero degli invitati: Abete assicura che sono 31, Agnelli ne conta 33. Tutto ciò mentre Lotito gira tra gli invitati inventando citazioni latine sul perché la sua proposta di spostare ferragosto a fine mese andava accolta. De Laurentiis spazientito sbotta contro il presidente della Lazio: “Ma non rompere le scatole e porta Beretta a fare una passeggiata”. Poi, soddisfatto per la sua sfuriata giornaliera, torna a spiegare a Sarri chi è Chiriches e perché l’hanno preso.

L’INFILTRATO SPECIALE – All’improvviso elude il controllo della sicurezza un uomo sulla cinquantina, non troppo alto e piuttosto tarchiato. Il solito Ferrero lo saluta con un poco elegante “Chi ha ordinato le pizze, Mino?”. Raiola sorride e spiega il motivo della sua intromissione: “Qualcuno vuole Balotelli? E dai ragazzi, so che ve lo chiedo da mesi, ma non si può proprio fare niente per lui? Un prestitino? Un ingaggio leggermente più basso? Dai Adriano, se mi prendi lui poi ti porto anche Ibra, promesso!”. Silenzio imbarazzato tra i presenti: tutti fingono di avere una telefonata urgente di lavoro o qualche impegno. Sabatini torna a spedire magliette sbagliate ai nuovi acquisti, Zamparini esonera la sua domestica. Così, senza motivo. Rimasto solo alla grigliata, Sarri si avvicina a Raiola e gli chiede: “Mi scusi buon uomo, ma questo Balotelli chi è?”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *